Il bimbo dell’estate 2017 sfila al Pitti

La moda bimbo, dal Pitti, guarda al futuro e mostra quel che sarà la Primavera/Estate 2017.

Ermanno Scervino presenta a Pitti Bimbo la nuova p/e 2017, ricca di suggestioni anni 70’s combinate ad un mood romantico. La collezione, si articola in tre parti. La prima è dedicata al daywear e streetwear, volumi ampi come kaftani, abiti e gonne lunghe, bluse, realizzati in tessuti ultraleggeri e freschi come mussole di cotone, lino,valencienne e popeline rigato abbinati a capispalla in canvas. La seconda più elegante e romantica proponendo abiti in macramè, pizzo o in georgette plissè abbinati a biker in ecopelle impreziositi da microborchie oppure abiti, bomber e t-shirt in organza di seta rosa ricamati con maxi pailettes. Il tutto sempre con un touch romantico e contemporaneo. La terza “No season”: la riga ed il pois, da sempre grandi amori della Maison, sono presenti in tutte le collezioni. Sneakers, sandali e zainetti con gli stessi motivi completano la collezione.

PRESSPHOTO Firenze PITTI BIMBO ERMANNO SCERVINO. Nella foto con Agnese Renzi. Marco Mori/New Press Photo

PRESSPHOTO Firenze PITTI BIMBO ERMANNO SCERVINO. Nella foto con Agnese Renzi. Marco Mori/New Press Photo

La collezione Lulu e i suoi it piece, riletti alla luce delle sfumature cromatiche e dei loro effetti, giocano all’insegna della color therapy per volare en plein air con le tinte sognanti. Molteplici le texture, infinite le grafiche, in una sinfonia grafica d’impatto in cui l’importante è mescolare: piccole B.B. indossano gonne ampie e sotto il ginocchio, da portare insieme ai leggins; si illuminano con dettagli vichy che fanno capolino ovunque e si uniscono a geometrie di pois e righe. I pantaloni sono cropped e ispirano tutti i materiali della collezione; pins-mania con fiori e caramelle firmano tutti i modelli per un look up to date davvero unico.

Lulu PE17

Pop a...

Read More

LANCIA premia i finalisti del “Time Award” al White

LANCIA, sponsor di Time, progetto internazionale rivolto alle aziende e ai marchi della moda contemporary, è stata protagonista della premiazione del “Time Award”. Anche in questa edizione il concorso ha coinvolto giovani artisti, con l’impegno di far emergere e sostenere il talento, mettendo in primo piano lo stile del Dress in Italy. Il concorso è stato organizzato da White, la rassegna milanese espressione della cultura contemporary e da Camera Italiana dei Buyer della Moda, con il patrocinio del Comune di Milano. In questa circostanza è stata esposta la Ypsilon personalizzata dall’artista Erika Calesini, che per l’occasione ha ricoperto la vettura di farfalle in eco pelle e borchie, insieme alla serie speciale Mya.

160620_Lancia_HP-2

Tra dieci finalisti, il premio LANCIA è stato assegnato a Federica Tosi, un brand creato dall’omonima designer romana che esprime la sua visione innovativa ed estremamente contemporanea del vestire femminile in un nuovo concetto di Made in Italy. Supportate da una visione ampia e attenta del prodotto e delle esigenze di mercato, le collezioni Federica Tosi mediano tra artigianalità e design, trovando concreta espressione in un look minimal e sofisticato con capi eclettici dalla forte connotazione urbana.

Contesto urbano dove si esprime al meglio anche Lancia Ypsilon, la Fashion City Car che scrive da più di trent’anni una storia di grande successo. È la più venduta del segmento B, con una quota del 14,6% da inizio anno, venduta in quasi 34.000 unità con un incremento del 29% rispetto allo stesso periodo del 2015. A esprimere al meglio eleganza, stile e attenzione ai gusti del pubblico femminile tipicamente Lancia è arrivata negli showroom la nuova serie speciale Mya, che ha riscosso un immediato successo in soli due mesi dal lancio.

Read More

Il beachwear code per l’estate 2016

Un costume per tutte le ore. Quest’anno la moda mare si sbizzarisce, tra vintage, omaggio agli eroi del fumetto, atmosfere tropicali, sexy con pudore. C’è di tutto, le stampe spadroneggiano. Con immagini pop è Moschino, patchwork per Stella Jean, riflessi etnici per Dsquared2, amazzone in Custo Barcelona, scollato secondo Elisabetta Franchi. E così via, uno sprizzare di colori, da Verdissima a Calzedonia.

Insomma il beachwear code amplia la sua offerta, per chi ha il fisico perfetto, per le curvy, per chi vuole stupire. Così per gli animi retrò, grande ritorno degli slip a vita alta, balconcini, ruches e righe da marinaretto che ci riportano indietro nel tempo regalando tanta sensualità anche alle più in carne. Apprezzato anche il bikini in neoprene, consigliato per la sua vestibilità.

Anche il costume intero reclama la sua parte: fa guardaroba e sa rendere contemporaneamente audace il corpo di una donna, tanto quanto un bikini a triangolo o a fascia. Si spazia anche con i tessuti, dalla similpelle al poliestere, dalle frange al macramè, dal pizzo al cotone.

Attenzione, anche l’uomo vuole stupire e, con il ritorno del boxer, darà spazio alla sua goliardica voglia di mettersi in mostra.

L’oscar delle stampe più fantasiose a Hikkaduwa, tra i “must have” dell’estate 2016 (non fa mancare nemmeno le infradito!). Il personaggio scelto è Valentina, indimenticabile protagonista nata dalla matita di Guido Crepax. Stampe in bianco e nero su infradito e costumi per lei e per lui in omaggio al caschetto nero più sexy e amato dagli italiani da oltre 50 anni.

Read More

Estate 2016: l’eyewear che fa tendenza

I designer sono sempre a caccia di nuove idee per quel che riguarda nuovi modelli eyewear da proporre perché gli occhiali rappresentano ormai l’accessorio di punta di chi vuol essere sempre trend. E poi tutto è stato proposto e riproposto infinite volte, quindi i designer quindi non possono far altro che rivisitare passate mode giocando con un introduzione di colori più o meno sgargianti. Il mood di stagione è divertirsi e affrontare il sole con un pizzico di ironia scegliendo montature che ruberanno un sorriso a chi incrocerà il vostro sguardo. Si gioca quindi con i materiali, dalla plastica iniettata per gli occhiali di prezzo contenuto, al più nobile acetato per gli occhiali di plastica più preziosi, al metallo trattato in vari colori, al titanio al carbonio. I “Cat eye glasses”, già protagonisti negli anni ’50/’60, sono (e da un po’) ritornati sulla scena.

A farla da padrone è senza dubbio Jeremy Scott, simbolo di uno stile divertente e talvolta eccessivo, che propone una montatura effetto materassino gonfiabile Altro brand che domina la scena è Yazbukey, marchio di ispirazione pop e irriverente, che trasforma gli occhi, le labbra e le orecchie di gatto proprio in occhiali da sole.

occhiali 2 dolce-and-gabbana-eyewear-opticals-woman-sicilian-carretto

Must i Dolce & Gabbana come fossero un carretto siciliano (qui in alto) e i sempre cool Italia Independent di Lapo Elkann (qui in basso).

occhiali Care Label & Italia Independent

Aumentano anche i personaggi famosi che decidono di investire in questo settore. New entry assoluta nell’universo eyewear è il calciatore Alex Del Piero con il suo brand AIR DP (in basso). Forme alternative per gli occhiali da sole della prossima estate: cuore, labbra, stelle marine o a forma di farfalla. Design seppur assurdi ma certamente

divertenti.

occhiali air dp

La Super ...

Read More

La millefeuille di ERMANNO SCERVINO per l’estate 2016

Ermanno Scervino, nella collezione SS 2016, esplora gli effetti suggestivi del pizzo: strati accoppiati e sovrapposti per un touch seducente e sensuale.
La donna Ermanno Scervino ama i capi ultra femminili delineati da tagli rubati al guardaroba maschile. Abiti lunghi in veli sovrapposti di chiffon e organza scivolano sul corpo, creando una silhouette sinuosa.

Spolverini taglio smoking in molteplici materiali: in pizzo multistrato, in pashmina doppiata con pizzo e lavorata double, in rafia, in canvas laserato o nella nuova organza foggia militare.
Stampe jacquard a motivo floreale con accenti rosso fuoco su fondo di macramè. Camicie pervinca dai tagli maschili. Toni pastello, mussole impalpabili, jumpsuit “safari”. Lavorazioni prezio...

Read More

L’ “Underwater Love” Aigner per l’estate 2016

Dopo due entusiasmanti collezioni celebrative del 50° anniversario della Maison, AIGNER  dimostra la sua creatività con la collezione Primavera/Estate 2016, il Direttore Creativo Christian Beck si esprime con un magico e emozionante mondo sottomarino. Il risultato – UNDERWATER LOVE: una collezione cangiante, luminosa, fluida e fresca dove le tonalità acqua si fondono con l’arancione dei coralli e le sfumature esotiche di creature marine che con le loro superfici luccicanti riflettono la luce del sole in mille colori.

Sensuali trasparenze svelano le linee del corpo femminile con vestiti leggeri e morbidi realizzati in tessuti pregiati come il jacquard e il tulle...

Read More

Mario Dell’Oglio, la cultura dello stile

11-Mario-Delloglio“Gentiluomo senza cappello” è il titolo del libro d’esordio di Mario Dell’Oglio, palermitano, da un anno e mezzo presidente nazionale di Camera Italiana Buyer Moda, profondo conoscitore dello stile che contraddistingue il vestire di ognuno. In copertina, nel volume edito da Leima, Clark Gable, un’icona senza tempo:

“L’immagine l’ha scelta la casa editrice –spiega- io l’ho condivisa perché ritengo quest’attore simbolicamente un signore del Sud che si esprime con la sua eleganza. La mia prospettiva è sempre siciliana, è da qui che io guardo il mondo. Ho scritto il libro nel 2014, una stesura dietro l’altra per sottoporla alle casi editrici, poi è arrivata la Leima ed ecco pubblicato il libro”.

– Da quattro generazioni nel settore moda, oggi da presidente di Cam...

Read More

Catena Fiorello, l’amore a due passi

amore a due passi“Con questo mio romanzo –vi avviso- preparatevi a una lettura ad alta tensione emotiva. E’ quasi matematico che se non avete un amore vicino vi verrà una grande voglia di cercarlo. L’hashtag che lancio è #catenadamore, guardacaso nome e cognome di mia nonna”. 

Catena Fiorello, prolifica scrittrice di libri di successo, presenta così il suo L’amore a due passi”, edito da Giunti: “Prima tappa delle presentazioni è Lecce. Doveroso perché è ambientato in Puglia. A seguire, la mia Sicilia. Del resto –e non soltanto perché il mio compagno vive a Lecce- io sostengo che il Salento è il promesso sposo della Sicilia: sono due terre che hanno molte cose in comune, con la differenza che questo ‘tacco d’Italia’ con grande orgoglio ha saputo riscattarsi ed emergere, noi siciliani ho come la sensazione che stiamo perdendo questa voglia, nonostante la nostra proverbiale generosità, ospitalità, ricchezza naturale e umana. Solo recuperando il nostro carattere riusciremo a reimporre nel mondo l’immagine meravigliosa della Sicilia, che ha ancora tanti estimatori”.

Catena Fiorello (ph Luca Brunetti)

Catena Fiorello (ph Luca Brunetti)

– La storia d’amore tra queste due persone adulte, che tu racconti nel romanzo, si sviluppa nel corso di dieci giorni vissuti in questi luoghi..

“Bellissimo che si usi la parola adulti, perché i due sessantenni protagonisti non vengono da me mai definiti né anziani né vecchi. Anzi. Il loro amore, che esplode tra un tuffo nel mare di San Cataldo e un ballo di taranta, fa da perno a tanti altri amori satelliti di persone più giovani che concorrono nella stessa storia, ma alla fine tutti si riconducono al sentimento forte e travolgente che coinvolge Orlando e Marilena, questi i loro nomi”.

– Da ...

Read More