Granite per tutti i gusti

Come non esistono (più) le mezze stagioni, ebbene non sono (mai) esistite le mezze granite. E’ il momento di sfatare un mito, legato a quella che è la specialità regina estiva della Sicilia (orientale). La famosa indicazione della “mezza” granita risale alle origini, quando nel ghiaccio tritato o nella neve veniva spremuto mezzo limone (e non uno intero) con un po’ di zucchero, secondo le preferenze del consumatore. Il bicchiere, però, sempre pieno. Mai, con la granita, ci si abbandoni all’ottica del mezzo vuoto, tranne se la scelta è farlo poi trasbordare con una massiccia dose di panna. La vera granpistacchioita, dolce goduria per il palato nelle giornate di caldo afoso, da gustare abbinata alla morbida brioche (alias, bbioscia in dialetto siculo), è comunque una esclusiva di bar e chioschi di Acireale, Catania, Messina, Taormina, Savoca o Modica soprattutto, le città isolane dove viene preparata secondo la corretta ricetta che non n2 granitee fa soltanto un bicchiere di ghiaccio trito con un po’ di sciroppo a determinarne il sapore. Quella è cremolata, tutt’altra cosa.  I gusti? Ormai c’è l’imbarazzo della scelta. Tanti, equivalenti ai tanti colori della granita: mandorla, caffè, cioccolata, fragola, gelsi (neri), pistacchio, limone, mandarino, pesca, ananas. Consiglio ai turisti, attenzion
e agli abbinamenti. Sono concessi, ma non possono essere azzardati. Vanno bene mandorla e caffè o pistacchio e cioccolata oppure fragola e gelsi, ma non avventuratevi in mandorla e limone, ad esempio! Il gusto vuole la sua parte, Al di là dell’eventuale colpo d’occhio cromatico.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.