Academy Awards 2022: un ceffone mette a rischio l’Oscar di Will Smith

E’ stata la mano di Will, parafrasando un meme. Da copione o vera azione (come sembra che sia), si è trattato del momento più imbarazzante della notte degli Oscar. Un infelice gesto con cui Will Smith si è espresso, almeno in quel contesto e in quella circostanza. Il sonore ceffone  sferrato al comico Chris Rock è quanto più ha fatto rumore nell’edizione 2022 degli Academy Awards. A scatenare la reazione una battuta insolente di Rock sull’alopecia della moglie di Smith, Jada Pinkett. Forse inconsapevole si trattasse di una malattia.

Il momento cruciale, poco prima della consegna della statuetta a Smith, migliore attore protagonista per il film “Una famiglia vincente – King Richard” in cui interpreta il padre delle due leggende del tennis Venus e Serena Williams. Durante il suo discorso Smith si è poi scusato con l’Academy, ma non ha fatto il nome di Rock. Da parte sua il comico ha deciso di non dar seguito e non denunciare.

L’episodio ha messo in secondo piano quant’altro accaduto durante la serata di Los Angeles, compreso il trionfo del  film “Coda – I segni del cuore” di Sian Heder, storia di una famiglia sordomuta dove unica a udire è la figlia, che deve trovare il coraggio di cercare la propria strada.

‘Coda’, forse contro ogni pronostico, ha sbaragliato gli avversari, lasciando a bocca asciutta anche Paolo Sorrentino. “E’ stata la mano di Dio” del regista italiano, in corsa tra i film internazionali, non ha ricevuto riconoscimenti. Niente da fare nemmeno per  a Massimo Cantini Parrini candidato per i costumi di Cyrano, né per Enrico Casarosa candidato per il miglior film d’animazione con Luca.

All’australiana Jane Campion l’Oscar come miglior regista. E’ la terza donna a vincerlo.

***

Oscar 2022 Elenco Vincitori

Miglior film: Coda

Miglior regia: Jane Campion (The Power of the Dog)

Miglior sceneggiatura originale: Belfast, Kenneth Branagh

Miglior sceneggiatura non originale: Coda, Siân Heder

Miglior attore protagonista: Will Smith (King Richard)

Miglior attore non protagonista: Troy Kotsur (Coda)

Miglior attrice protagonista: Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye)

Miglior attrice non protagonista: Ariana DeBose (West Side Story)

Miglior film internazionale: Drive my car di Ryûsuke Hamaguchi

Migliori effetti speciali: Dune

Migliore scenografia: Dune

Miglior canzone: No Time to Die (No Time to Die), Billie Eilish, Finneas O’Connell

Miglior colonna sonora: Dune, Hans Zimmer

Miglior trucco e parrucco: The Eyes of Tammy Faye

Migliori costumi: Cruella Jenny Beavan

Miglior film d’animazione: Encanto Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer

Miglior fotografia: Dune, Greig Fraser

Miglior cortometraggio di animazione: The Windshield Wiper, Alberto Mielgo e Leo Sanchez

Miglior suono: Dune, Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett

Miglior documentario: Summer of Soul

Miglior cortometraggio documentario: The Queen of Basketball, Ben Proudfoot

Miglior montaggio: Dune, Joe Walker

Miglior cortometraggio: The Long Goodbye, Aneil Karia e Riz Ahmed

 

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.