Category

50 anni di Etro al Mudec di Milano. Un viaggio che prende origine dal Paisley

50 anni di Etro, festeggiati a Milano con una mostra allestita al Mudec che celebra la lunga storia del brand caratterizzata, già alla nascita, dal motivo Paisley, il germoglio della palma di dattero, di origine mesopotamica, riconosciuto come simbolo di fertilità e lunga vita. E non a caso ha dato origine alla favola di una fashion dinasty del made in Italy. Inaugurata il 23 settembre, la mostra sarà fruibile gratuitamente fino al 14 ottobre.

Per i visitatori l’esperienza di un percorso in cinque stanze, non pensato in ordine cronologico, bensì con ogni ambiente che racchiude un pezzo di memoria Etro: la famiglia e i tessuti, la comunicazione, le collezioni, gli accessori e le ispirazioni. Sparsi una cinquantina di look. I patchwork di tessuti rivestono dalle pareti alle sedute.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Esposta anche la capsule collection Etro 50, realizzata da Kean e Veronica Etro, rispettivamente direttori creativi delle linee uomo e donna: un viaggio nel tempo dagli anni Sessanta tra T-shirt, felpe, maglie, foulard in seta e cashmere, accessori. Il motivo paisley qui si incrocia con la scritta Faithful to Love and Beauty.

Read More

Un nuovo singolo per Giovanni Caccamo e una clip nata grazie a un contest

Dopo “Eterno” presentato a Sanremo, ecco “Bisogno di tutto”, nuovo singolo del cantautore siciliano Giovanni Caccamo.

Con videoclip frutto di un innovativo format: “Sì, nasce da un contest web in cui ho voluto offrire un ruolo da protagonista ai miei fans. Così ognuno di loro ha inviato un playback filmandolo in un posto significativo della propria vita. Credo che sia la prima volta che in Italia si realizzi un prodotto musicale in questo modo. Oggi interagire direttamente con il pubblico, anche attraverso i social, è fondamentale, consente di parlare a tutti, annulla le distanze e il rapporto diventa anche più confidenziale. E’ pure vero che con i social viene meno quell’alone di mistero che un tempo possedevano gli artisti, oggi è tutto a portata di mano. Resta comunque un’ottima opportunità per creare un link diretto con il pubblico”.

Parliamo di questo tuo recente brano, dal titolo “Bisogno di tutto”: in che senso?

“Costituisce una sorta di elenco di tutte le cose di cui pensiamo di aver bisogno, ma che in realtà invece rappresentano la futilità. Queste ci allontanano dall’essenza dell’animo facendoci perdere il significato di una quotidianità fatta di emozioni, di parole, di sguardi. Il punto è che spesso siamo distratti da molte cose che ci portano lontano dalle persone che amiamo”.

Read More

Alessio Boni: “Ho scelto di fare l’attore, recito in molti thriller e adoro i set dove la natura che mi circonda è protagonista”

di AGATA PATRIZIA SACCONE

Nei thriller Alessio Boni si rivela sempre straordinario interprete, da appassionato lettore di libri gialli. E il successo riscosso di recente al cinema con “La ragazza nella nebbia”, tratto dal romanzo di Donato Carrisi, al fianco di Toni Servillo e Jean Reno, conferma il suo spessore di attore che entra nel personaggio e ammalia il pubblico. Nel film è stato il professore che, trasferitosi ad Avechot con moglie e figlia, finisce nella lista dei sospettati. In televisione invece è stato Fausto Morra, protagonista dell’intrigante fiction “La strada di casa”, che potrebbe tornare con una seconda serie su Rai 1 per il riscontro avuto di critica e di ascolti. Sul grande e piccolo schermo comtemporaneamente a fine 2017, sempre al cinema è arrivato in coincidenza anche “Agadah”, pellicola storica ambientata nel Regno di Napoli.

Adesso Boni è sul set per altri thriller, “Non sono un assassino” e “Tutte le mie notti”. Un momento esaltante per l’attore di Sarnico, un paese in provincia di Bergamo, formatosi all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico: “Si è verificata questa favorevole congiuntura che mi riempie di gioia perché rappresenta un riconoscimento al mio lavoro. Vivo il momento con grande serenità e soddisfazione, mi piace il rapporto con la gente, e ora mi appresto a portare avanti i progetti del 2018”.

– Quali, se vogliamo citarne alcuni?

“Int...

Read More

Fabiana Giacomotti: “Le diverse prospettive della moda: storia, arte, artigianato, economia”

E’ giornalista, scrittrice, docente universitaria, innanzitutto è donna di grande cultura. Lo stile e l’eleganza appartengono in assoluto a Fabiana Giacomotti, non soltanto per quell’universo moda che descrive e racconta con dovuto piglio critico, la giusta competenza e ben oltre quella semplice proiezione di lustrini che arriva al consumatore. Lo dettaglia ne ‘La moda è un mestiere da duri’, suo ultimo libro edito da Rizzoli, presentato di recente anche a Taormina nell’ambito della Taomoda capsule.

La moda talvolta non è presa troppo sul serio dai non addetti ai lavori, che piuttosto la considerano una “schiumevole frivolezza”...

Read More

Simone Susinna, al top per l’Isola dei Famosi

di Agata Patrizia Saccone

L’isola è nel destino di Simone Susinna. In una c’è nato (la Sicilia), in un’altra (nel mare dell’Honduras) è andato per un’avventura che lo potrà consacrare tra i nuovi personaggi televisivi. Il top model catanese, tra i più richiesti in passerella, è infatti tra i partecipanti dell’edizione 2017 de “L’Isola dei Famosi”, trasmessa da Canale 5. Con lui Massimo Ceccherini, Raz Degan, Giulio Base, Nathalie Caldonazzo, Nancy Coppola, Samantha De Grenet, Eva Grimaldi, Malena, Andrea Marcaccini, Dayane Mello, Moreno, Giacomo Urtis e Giulia Calcaterra.

IMG_9791

Per il modello nato all’ombra del vulcano si tratta non soltanto di una nuova esperienza ma dell’esordio nel piccolo schermo: “Ho deciso di partecipare perché lo considero un altro passo vers...

Read More

One city, one girl: Calu Rivero sulle rues de Paris in Stella McCartney

S16_OCOG_STELLASW_4_72_RGBCalu Rivero -attrice, DJ e attivista argentina – è la protagonista dell’ultimo capitolo della serie One City One Girl . Calu indossa gli abiti della collezione Summer 2016 di Stella McCartney a Parigi, città che ama: “Passeggiare per le strade, sedermi e osservare le persone è la cosa che qui più adoro fare -racconta- come anche visitare il negozio di libri Shakespeare and Company in Rue de la Bûcherie, dove potrei passarc delle ore. Qui è un trionfo dell’arte. Sarebbe un peccato, per chi viene, non vedere poi le esposizioni al Palais de Tokyo e al Louvre, i bellissimi Jardin des Tuileries e ovviamente il Pompidou!”

Donna dal molteplice talento, ha scelto di diventare vegana: “Recitare mi regala tante soddisfazioni -spiega-. Interpretare un personaggio che poi prende vita è davv...

Read More