Do you know? Le foto di Stefano Guindani per i pequeños dell’America Latina

“Gli abissi della povertà e le vette della generosità. La facilità del male e il pragmatismo del bene. La forza dell’esempio, dell’umiltà, della gioia”. Potrebbe essere sintetizzato in queste parole di Eugenio Alberti Schatz – come scrive nella prefazione – il messaggio del libro Do you Know? di Stefano Guindani, edito da Skira, realizzato in occasione del sessantesimo anniversario di NPH (Nuestros Pequeños Hermanos, “i nostri piccoli fratelli e sorelle”) organizzazione umanitaria internazionale fondata nel 1954 e rappresentata in Italia dalla Fondazione Francesca Rava.

2_Stefano Guindani_SAM_0591_o

Il volume raccoglie gli straordinari scatti che Stefano Guindani ha realizzato nei nove Paesi dell’America Latina dove si trovano  le Case orfanotrofio NPH – Messico, El Salvador, Honduras, Haiti, Nicaragua, Repubblica Dominicana, Guatemala, Bolivia, Perù – accompagnati da altrettante storie, raccontate in prima persona da alcuni pequeños ed ex-pequeños protagonisti.

“In un’epoca dove le immagini hanno più forza delle parole, ho voluto raccontare, senza troppi filtri, la mia esperienza emotiva nel passaggio tra dolore e speranza,  per aprire un dialogo con il lettore  e offrirgli un momento di riflessione”, spiega Guindani. “Un susseguirsi di frammenti di gioia, umiltà, miseria e dignità per raccontare la vita che scorre quotidianamente nelle case di accoglienza ma non solo”.

I ritratti di giovani, anziani, donne e uomini segnati dal tempo e dalle difficoltà della vita, i loro villaggi, i loro rifugi essenziali, i loro luoghi di ritrovo, i loro riti, diventano l’ossatura del reportage geografico e morale che Stefano Guindani ha realizzato, nato dalla sensibilità del fotografo e dall’intenso lavoro umanitario della Fondazione Francesca RavaNPH Italia Onlus. A fare da sfondo l’America Latina, una delle tante porzioni di mondo che con la sua cultura millenaria ed i suoi paesaggi unici non può che affascinare, pur lottando quotidianamente per il proprio futuro.

“Raccontare, far sapere, far sentire, incuriosire, mostrare senza troppi filtri le cose brutte e quelle belle, il dolore e insieme la speranza. Questo l’intento, ed ecco perché il titolo del libro è una domanda: Do you Know?, aggiunge Stefano Guindani.

Non a caso l’obiettivo del volume è far leva sulle immagini per alimentare nel pubblico la consapevolezza che investire sui giovani è fondamentale per il nostro domani, così come l’impegno personale di tutti, a livello individuale e collettivo, per raggiungere questo importante scopo. Perché i giovani rappresentano il futuro di tutto il mondo. E i primi a rendersene conto devono essere quelli più fortunati tra loro.

“Vogliamo che le nuove generazioni siano più consapevoli delle condizioni disumane in cui vivono ancora oggi tanti bambini, perché tutti possano mettere a disposizione il loro tempo e ciò che sanno fare al servizio degli altri”, ha detto Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione nata in memoria della sorella. “Aiutare gli altri, nel nostro caso i bambini, è un gesto che fa stare bene prima di tutto chi lo fa e che rende tutti più responsabili e partecipi del destino del nostro pianeta”

In quest’ottica il libro diventa ancora più prezioso perché consente a chi non ha avuto modo di vedere da vicino questi luoghi, di fare un viaggio virtuale in una realtà difficile e nel quotidiano di tante persone e di tanti ragazzi dal destino segnato. “Perché la conoscenza crea consapevolezza e ci insegna quanto la responsabilità di ogni individuo, anche a distanza, possa incidere sul cambiamento della vita di tanti individui”, precisa Mariavittoria Rava.

Coerente con l’intento finale dell’iniziativa la decisione di destinare tutti i proventi del volume ai progetti di accoglienza e sviluppo di NPH nel mondo. Il volume sarà in libreria a partire dal 2016 ed è già disponibile in anteprima tramite la Fondazione Francesca Rava, Viale Premuda 38/a Milano, telefono 02 54122917, www.nph-italia.org.

Agata Patrizia Saccone

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.