Salone del Mobile 2016…anteprima!

Milano è pronta ad accogliere la Settimana del Design. Dentro e fuori il Salone internazionale del Mobile, un pullulare di novità ed iniziative. Ma soprattutto di estro e creatività. Indoor e outdoor, bagno e cucina, living e luce, letti e divani, sedie e mensole. Con complementi d’arredo unici firmati da illustri designer.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Partiamo da Driade: DriadeLivingRoom è il tema proposto da David Chipperfield per la collezione che il marchio presenta al Salone di Milano 2016Philippe Starck, Konstantin Grcic, Naoto Fukasawa, Lievore Altherr Molina, Fredrikson Stallard e Ludovica+Roberto Palomba sono i designers chiamati ad interpretare questo concetto. Philippe Starck presenta il divano componibile Wow, la poltrona Cinemascope e le sedute Lou Eat e Lou Think che vanno a formare, insieme all’esistente Lou Read, una linea completa dal nomeLou Read Family. Konstantin Grcic crea Mingxun’ampia collezione di sedute, tavoli e sgabelli, per l’indoor e l’outdoor, proposta in diverse varianti e in quattro finiture di colore. A questi si aggiungono La Francesa, elegante poltroncina imbottita di Lievore Altherr Molina, i tavoli Easel e App, uno indoor e l’altro outdoor, di Ludovica+Roberto Palomba e il set Ten e Ci, poltroncina e tavolo bassso, di Naoto Fukasawa. Per esterni gli arredi Camouflage, poltrone e tavolini, in alluminio di Fredrikson Stallard.

Voltando pagina: per Molteni&C, Patricia Urquiola firma Asterias, tavolo scultura verniciato o in essenza, caratterizzato dalla forma sinuosa e innovativa del basamento centrale composto da sei elementi che ricordano la caratteristica forma del petalo, realizzati in legno curvato e con la particolare tecnica dello stampaggio 3d. 
Il piano è disponibile con diametro 180 e 160, suddiviso in quattro spicchi e caratterizzato da un particolare disegno incrociato e bordo arrotondato. Il piano avrà inoltre la possibilità di essere dotato di un accessorio opzionale, un piatto girevole centrale (lazy susan), comune nella tradizione asiatica. 

Urquiola Asterias

Dada affida a Vincent Van Duysen la reinterpretazione estetica del suo best-seller: Hi Line, primo esperimento nel mondo cucina per il designer belga. Nuova dinamicità e sofisticata eleganza per Hi-Line VVD, ottenuta grazie al contrasto tra esili spessori di fianchi e terminali, forti spessori dei piani di lavoro e all’alternanza dei materiali, come pietre naturali che dialogano con essenze e alluminio nero. Hi-Line VVD si arricchisce con nuovi elementi, come basi e cassetti a giorno, carrelli sotto top, mensole, vetrine e vasca attrezzabile per il lavaggio in pietra, che ne definiscono una nuova veste architettonica.

j_50403_01

Accattivante, elegante e piena di personalità, Babah (design Roberto Paoli) è invece una seduta funzionale, dal carattere contemporaneo e brioso. Presenta compostezza di linee, proporzioni e toni che la rendono al tempo stesso classica e innovativa. La sua figura essenziale è ingentilita dal decoro dello schienale, che le conferisce un tocco un po’ retrò e un’estetica senza tempo. Babah amplia la propria gamma espressiva presentandosi anche nella variante sgabello. 

babah

Billiani, storica azienda friulana specializzata nella produzione di sedie e sedute per il settore contract, sarà presente al Salone del Mobile con molteplici novità: la sedia iconica Fratina di Emilio Nanni e – tipologia merceologica per Billiani inedita – l’appendiabiti Tango di Timo Ripatti che perfettamente completa il setting per ristoranti, lobby e altri luoghi pubblici. Inoltre, Billiani presenterà una nuova variante della poltroncina Spy disegnata da Emilio Nanni e un’ampliamento di gamma dei tavoli Grapevine di Egidio Panzera.

Billiani sedie

L’appendiabito Tango disegnato da Timo Ripatti va all’origine della materia legno, trasportando in un oggetto puro e iconico tutta la forza e la naturalezza di questo materiale vivo e caldo, attraverso la migliore tradizione del design Scandinavo. La particolare torsione dello snodo centrale ricorda quel fluido dialogo dei corpi che nel tango tanto meraviglia.

Tango appendiabiti

Dall’incontro fra la tecnologia Kristalia e la creatività di Kensaku Oshiro nasce Hole: un tavolo caratterizzato dall’inedita base con un foro ovale, dal contorno morbidamente plasmato, realizzata in lamiera di metallo con un processo che prevede numerosi passaggi di stampaggio e piegatura.

Kristalia Hole

Uno dei prodotti di punta di Adrenalina al Salone del Mobile 2016 è il divano Soft Machine, progettato da Giovanni Tommaso Garattoni. Soft Machine, è un oggetto scultoreo, dalla linea aerodinamica e fluida. Il divano prende il nome da un romanzo dello scrittore americano William Burroughs “The Soft Machine” e dall’omonimo gruppo rock degli anni 60.

Soft Machine

Désirée presenta Shellon, forme morbide e leggere. La leggerezza è data dall’inclinazione verso l’interno del giroletto sollevato dal pavimento e dalla sinuosa curvatura verso l’esterno della parte centrale della testata; la morbidezza è data dalla trapuntatura verticale sempre della testata realizzata da ‘pieghe irregolari’. La struttura è in metallo e legno ed è imbottita in poliuretano e rivestita con tessuto protettivo accoppiato. La testata è rivestita in tessuto completamente sfoderabile o in pelle non sfoderabile. I piedini sono realizzati in alluminio lucido.

Shellon Desiree

CorteZari propone l’evoluzione del programma Zenit, con l’anteprima del nuovo progetto di parete componibile totalmente contenitore ed integrabile alla boiserie: moduli chiusi, a giorno, a vetro, ante a vasistas per elementi alti e cassetti, creati per garantire il caratteristico “effetto muro”.

Cortezara Zenit

Fishbone è una mensola.Una ripetizione ortogonale, perfetta, tre elle diritte come ballerine.  Segni di spunta a formare una composizione tribale.

Fishbone mensola

Four Lamp è invece una lampada che unisce due materiali in netto contrasto tra di loro: plastica e acciaio. Il corpo plastico della lampada viene combinato con l’elemento in acciaio della struttura, che ne permette la declinazione in tre diverse versioni: lampada a sospensione, lampada da terra alta e bassa. La malleabilità della plastica, stampata con tecnologia rotazionale, viene valorizzata dalla creazione di un unico elemento con quattro lembi che, increspandone la superficie liscia, conferiscono movimento alla luce.

Four Lamp

Gufram per i suoi 50 anni, in occasione del Salone del Mobile di Milano, presenta Gufram & Paul Smith Psychedelic Cactus, una speciale edizione dell’emblematico prodotto disegnato da Drocco e Mello nel 1972, realizzata in collaborazione con Paul Smith. Disponibile in una nuova edizione limitata in soli 169 esemplari, Gufram & Paul Smith Psychedelic Cactus, vede la contaminazione dell’irriverente appendiabiti con l’inconfondibile estro di Paul Smith. L’ironico totem, che incarna la grinta, la fantasia e lo humor tipici del design degli anni Settanta, diventa così Psychedelic, grazie al fondersi delle tinte vivaci e brillanti che contraddistinguono l’uso del colore di Paul Smith, uno dei maggiori rappresentanti del design Britannico.

Gufram & Paul Smith Psychedelic Cactus2

Materiali naturali – legno, fibre tessili, vetro e metalli nativi – interpretati nel segno del design sperimentale e “vestiti” con i suggestivi colori dei paesaggi svedesi, danno vita alle inedite collezioni protagoniste di  “SWEDEN plays!”, l’esposizione collettiva che nasce per iniziativa di Swedish Design Goes Milan 2016 e Business Sweden, agenzia governativa per lo sviluppo del commercio estero, in collaborazione con l’Ambasciata Svedese, Svensk Form, l’Associazione Svedese degli Architetti e VisitSweden. Lo spirito del progetto è insito nel nome stesso “SWEDEN plays!” che ben trasmette l’energia, la passione creativa e la socialità tipicamente svedesi e sintetizza l’essenza delle nuove collezioni presentate in anteprima al Salone del Mobile 2016, appuntamento di richiamo Internazionale per il mondo dell’architettura e del design.

Sweden plays

Con Vasco al Fuorisalone  le collezioni Niva e CarrèLa nuova collezione di radiatori in acciaio Niva di Vasco, disegnata da Wim Segers, si distingue per il suo aspetto elegante e senza tempo, ma soprattutto per l’efficienza termica: emette un elevato grado di calore per le sue dimensioni. Il nuovo modello Carrè Plus in acciaio  offre una performance termica straordinaria e un considerevole risparmio energetico. Carrè Plus, grazie ai suoi profili orizzontali e verticali dalla forma squadrata e contemporanea, impreziosisce, come una scultura, tutto l’ambiente circostante.  

Vasco radiatore Carrè Plus

Meraviglioso l’outdoor secondo l’ispirazione, tratta dalla luce del Mediterraneo, di José A.Gandia-Blasco per GANDIABLASCO. La collezione DNA è ispirata al gioco sottile delle modulazioni di luce e ombra delle persiane mediterranee e all’elogio dell’ombra dell’estetica nipponica nell’architettura tradizionale e contemporanea: il positivo e il negativo spogliati da qualsiasi ornamento superfluo. Fabbricata con una struttura di profili di alluminio anodizzato o termolaccato, disponibile nei colori bianco, sabbia, bronzo o antracite, che sostiene sedute e schienali di schiuma di poliuretano rivestita da tessuto idrofugo. Una collezione di mobili per esterni elegante ed essenziale, che ben si fonde con il contesto.

DNA Gandiablasco

(fonte: Archiproducts)

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.