SuperSalone, il design a Milano per ripartire

Milano riparte dal Salone del Mobile, quest’anno, dopo lo stop del 2020 e il successivo rinvio della scorsa primavera, in un’inedita veste settembrina, quasi a far da prologo a un altro degli eventi più attesi nel capoluogo meneghino, la Fashion Week. Ma il mese di svolgimento non è la sola novità di questa edizione del Salone, il cui format è mutato: nella vastissima area di Rho (68mila mq per il così denominato SuperSalone) dal 5 al 10 settembre in visita anche il pubblico dei non addetto ai lavori (naturalmente munito di green pass o equivalente certificato Covid free) tra gli stand, con la possibilità di comprare, dei più originali pezzi di design. Ad esporre 430 aziende, 170 creativi e 39 maker, con una proposta di 1.900 progetti esposti in 4 padiglioni.

 

A firmare la kermesse, Stefano Boeri. Accanto al curatore, un team internazionale di co-progettisti – Andrea CaputoMaria Cristina DideroAnniina KoivuLukas Wegwerth e Marco Ferrari ed Elisa Pasqual di Studio Folder – in collaborazione con Giorgio Donà, co-founder e direttore di Stefano Boeri Interiors, ha ideato percorsi innovativi finalizzati a porre in risalto progetti e prodotti. Integrato da aree e percorsi tematici l’allestimento in Fiera: arene per ospitare un programma speciale di incontri e talk con i protagonisti del panorama culturale e creativo contemporaneo, lounge riservate agli incontri commerciali delle aziende, aree dedicate ai giovani delle scuole di design e all’esposizione, a cura dell’ADI, delle sedute premiate con il Compasso d’Orofood court ideate e realizzate in collaborazione con Identità Golose – The International Chef Congress, aree social e relax. Scenografia inoltre pensata per valorizzare le novità e le creazioni messe a catalogo negli ultimi 18 mesi dalle aziende. 

Sostenibilità e circolarità tra i temi chiave: tutti i materiali e le componenti dell’allestimento possono essere riciclati. Allestita inoltre una zona verde per accogliere i visitatori all’ingresso Porta Est della Fiera e gli alberi utilizzati, grazie al progetto Forestami, saranno poi messi a dimora nell’area metropolitana milanese.

E ancora: un occhio al Food e poi Euroluce, quindi l’irrinunciabile Fuorisalone (dall’Orto Botanico alla Statale, passando per via Tortona) ovvero il rito cult che esplode in città con i suoi eventi paralleli tra mostre e presentazioni. Tra le curiosità, la nuova location del progetto Alcova, in tre edifici storici nei pressi della metro Inganni, ospiti designer indipendenti, brand mai visti, gallerie, aziende. Oasi urban green invece nel Brera Design district. Alla Triennale Milano, hub in città di “supersalone”, un palinsesto di mostre ed eventi inediti.

(photocredits Courtesy Salone del Mobile Milano: AM   Andrea Mariani, DR  Diego Ravier, FR  Francesco Rucci, LO  Luca Orsi)

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.