tagged posts

Green Carpet Fashion Awards 2018: il premio Franca Sozzani al designer Gilberto Calzolari

Gilberto Calzolari vince il premio Franca Sozzani GCC 2018 for Best Emerging Designer. L’importante riconoscimento gli è stato consegnato da Jeremy Irvine, Armie Hammer, Sara Sozzani Maino e Desirée Bollier sul palco del Teatro alla Scala a Milano a conclusione della Fashion Week settembrina, in occasione della seconda edizione dei Green Carpet Fashion AwardsLa manifestazione, nata nel 2017 e giunta alla sua seconda edizione, è organizzata da Camera Nazionale della Moda, che a Calzolari così apre le porte della Fashion Week di Milano del febbraio 2019.

Ad indossare la creazione che gli è valsa il premio una splendida Federica Del Sale: l’abito – dall’animo puramente “green” – ha preso vita da sacchi di juta provenienti dal Brasile e acquistati sul mercato dei Navigli a Mila...

Read More

Milan Fashion Week, l’evergreen sono le top model regine

Le vere protagoniste alla MFW di settembre per la SS18 sono state le top model evergreen Naomi Campbell, Cindy Crawford, Claudia Schiffer, Carla Bruni e Helena Christensen. Loro, le regine delle passerelle degli anni 90, non hanno lasciato la corona e insieme hanno celebrato Gianni Versace nel ventennale della scomparsa. Le amiche di Gianni, splendide e inarrivabili per bellezza, stile, carisma, eleganza. Quest’edizione della Milan Fashion Week, che ha registrato l’assenza di importanti griffe –non hanno sfilato in calendario, tra gli altri, Dsquared ed Emporio Armani- sarà ricordata specialmente per lo show di queste cinque protagoniste.

A Milano si rivede il green panel proposto nello scorso luglio da Taomoda. Anche alla Milan Fashion Week, com’era stato la scorsa estate a Taormina, l’ecosostenibilità trova il suo spazio in un’edizione contraddistinta dal green nella domenica vigilia della giornata finale.

Poi un susseguirsi di sfilate, dentro e fuori calendario.

Un binomio creativo che si conferma in perfetta armonia è quello tra il designer pugliese Mario Dice e l’hai stylist siciliano Toni Pellegrino, uniti dall’amore per l’arte, per la storia, per la letteratura. A ispirare la collezione di Mario Dice  è stata la figura di Lucrezia Borgia. Con i suoi abiti lo stilista  racconta di una femminilità forte e magnetica, romantica e sensuale. Per celebrare la dualità e la bellezza dell’unione degli opposti, nella collezione convivono volumi ora ampi e ariosi, ora lineari e castigati. Lunghi vestiti asimmetrici arricchiti da inserti a contrasto. Ancora una volta lo stilista pugliese (che proietta la propria creatività su un doppio binario, il proprio omonimo brand e Capucci) aggiunge preziosità agli abiti. I tessuti – unici, pensati e creati su antichi telai – e gli accessori gioiello da indossare anche sul viso. L’ArtTeam di Toni Pellegrino con la direzione di Salvo Binetti (nel backstage della sfilata hanno lavorato Alessandro Galetti, Ivana Ilijeva, Leo Libardi, Antonello Lotito, Gessica Maltese, Luca Morellato e Salvo Peluso) abbina, per i capelli, chignon e soggolo nero. Linee pulite e un dettaglio d’ispirazione rinascimentale che rimanda al mondo monastico e accentua la sensualità. Grazia e purezza, eleganza e santità. L’hair stylist modicano spiega: «Per Mario Dice abbiamo scelto delle acconciature che rappresentano una perfetta graficità e geometria».

Tra i nomi di cui si sentirà sempre più parlare, quello di Salvatore Piccione«Sono soddisfatto per il lavoro che abbiamo portato in passerella – afferma- e  ringrazio Camera Moda, che già mi supporta da quattro stagioni, per la mia sfilata ci ha messo a disposizione una sala molto prestigiosa. Per la Spring-Summer 2018 ho concentrato la mia creatività sulle terre esotiche del Sud America, ho creato diverse combinazioni attraverso cui traspare la flora e la fauna di questi ambienti con sovrapposizioni di tessuti paillettes che sovrastano tulle ricamati con dei fiori. Uno stile garbato che spazia dall’Occidente all’Oriente».

Dalle emozioni passiamo al brio di Hello Kitty special guest di Anteprima, maison fondata da Izumi Ogino, che per la SS 2018 propone una stagione di luce con la sensualità dello specchio. Pannelli irregolari, texture, motivi mixati per distinguersi. Tinte vivaci e spontanee esaltano la bellezza e la luce femminile con un tocco di PVC che ritroviamo sui capispalla primaverili. Tessuti che scorrono e splendono, strip morbide, silhouette asimmetriche, tinte vivaci e spontanee esaltano la bellezza e la luce femminile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Izumi Ogino e Hello Kitty per Anteprima

Atmosfera parigina quella percepita durante la...

Read More

TAOMODA all’insegna del green: eleganza ed ecosostenibilità

E’ l’evento dei grandi numeri, l’evento glamour che coniuga moda, design, cultura, food e sociale e che per dieci giorni rende Taormina, già perla di suo, location di assoluto richiamo grazie a un calendario variegato di appuntamenti che culminano con il Gala della moda e i Tao Awards al Teatro Antico. Con una peculiarità, quest’anno: l’ecosostenibilità come filo conduttore di un’edizione pensata dal presidente Agata Patrizia Saccone all’insegna del green.

TAOMODA anche quest’anno non ha deluso le aspettative: spettatori assiepati al Teatro per la serata finale con ospiti prestigiosi e sfilate di vera eleganza, visitatori organizzati per seguire ogni giorno quanto proponeva il programma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A partire dall’esclusiva mostra dedicata a Gianfranco Ferré

Read More

ParkCity ULTRACHIC ss2017

PARKCITY, la collezione prét-a-porter di Ultrachic per la primavera/estate 2017, rappresenta la contaminazione di due ambienti antitetici ma complementari: la metropoli e i suoi parchi.

ultrachic-4presentazione-pe-2017

Elementi urbani e naturali, come caos e tranquillita, si fondono nella collezione e,  confondendosi, danno origine a una dimensione onirica di colori e fantasie. Suggestive oasi di pace, luoghi incantati dal fascino senza tempo, si Inescolano a frenetici scenari urbani. L’atmosfera e gioiosa, romantica e sbarazzina permeata da un freddo spirito pratico che manifesta la visione ribelle del direttore creativo, Diego Dossola, verso ironia e realismo.

Read More