tagged posts

Moderna Cinderella, la donna di LUISA BECCARIA

Femminile e risoluta, sognante e concreta, perduta nella bellezza di nuove geometrie tra città e natura. La collezione Luisa Beccaria Autunno – Inverno 2015 / 2016 è una ricerca di armonia nella contraddizione, di sintesi tra forma e materia.

Per il giorno i tessuti tipici del guardaroba maschile, come il loden, il pied de poule e la vigogna, si impreziosiscono con leggeri ricami e applicazioni tridimensionali. Morbide bluse dalla stampa grafica e abiti in organza fil coupé si abbinano a tweed motivo Vichy o a righe. Le linee si aprono e diventano geometrie di foglie, che ricamano il velluto e si stagliano su morbide gonne dal taglio svasato o a matita. Anche il fiore, must della maison, si declina in un pattern più geometrico su abiti da ballo e delicati chemisier a portafoglio, abbinati a giacche e cappotti in tweed con inserti in camoscio. Il grafismo si traduce in drappeggi dall’ispirazione quasi astratta che danno dinamicità a tutti i capi della collezione.

Quando cala la sera, la donna Luisa Beccaria la accende, incedendo sognante, come una moderna Cinderella, in abiti talvolta con rouches dalle mille sfumature, talvolta più fascianti e sensuali. La palette cromatica percorre diverse sfumature del blu, dal notte all’ottanio acceso, con intervalli di verde loden, antracite e panna.

Read More

Eclettismo e tradizione alla Milan Fashion Week (SS 2016)

Dopo New York e Londra, la Milan Fashion Week calamita l’interesse degli addetti ai lavori (e non solo) per i must della prossima primavera-estate, quella del 2016. C’è la ricerca dell’estetica, il gusto sfida tutto e il contrario di tutto, ma alla fine il mix partorito da contraddizioni razionalmente pensate è giungere all’elogio dei colori, delle linee, di una sensualità non necessariamente celata. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Entusiasma Ermanno Scervino, con pizzi, ajour e effetti lingerie: così sofisticato da trasmettere passione. 
Così si va dal caos geometrico di Prada a un Emilio Pucci rinnovato di tutto punto, dall’austerità di Fendi all’osare di Versace con i suoi riferimenti militari, dal romanticismo che accomuna (pur con le dovute e sostanziali differenze) B...

Read More

La magica notte dei Tao Awards a TaoModa 2015

Una parata di vip, in una splendida cornice e con quanto di più straordinario la moda potesse proporre sotto le stelle di Taormina, al Teatro Antico in versione glamour e gremito di pubblico per la serata di Gala dei Tao Awards assegnati in occasione della seconda edizione di Taomoda, la kermesse di moda, design, arte e cultura, organizzata dall’Associazione Talenti & Dintorni e diretta da Agata Patrizia Saccone con il patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana e la sinergia con White Milano e Progetto Time.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In occasione del Gala – presentato da Cinzia Malvini e da Francesco Lamiani – lo storico palcoscenico taorminese si è tramutato in passerella ospitando esclusive creazioni di moda, dalla capsule di grande effetto proposta da Fausto Puglisi alle collezioni di Luisa Beccaria, Elisabetta Franchi e Stella Jean, della nuova linea di Ultrachic creata da Viola Baragiola e Diego Dossola, a cui si sono aggiunti i gioielli di Roberto Coin, l’eyewear Italia Independent, la fantasia dell’hair stylist Toni Pellegrino per le acconciature di Toni&Guy, sulle modelle truccate Menea, addirittura le uniformi di Meridiana, dalle sue origini ad oggi, al culmine di una performance di danza della coreografa Fia Di Stefano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Durante TaoModa si è segnata frattanto una tappa importante dell’industria della moda italiana, con l’annuncio della nascita in Sicilia del nuovo hub di Herno, leader nazionale e brand mondiale nella produzione di capispalla di lusso. È stato proprio l’amministratore delegato Claudio Marenzi, presidente anche di Sistema Moda Italia – premiato con il Tao Awards Imprenditoria – ad annunciare il compimento entro il 2015 del progetto siciliano, attraverso la sinergia con la San Lorenzo Confezioni di Filippo Miracula, a San Marco d’Alunzio (Me), che gestirà una rete di laboratori di ricerca e innovazione lungo la fascia del Parco dei Nebrodi. Un progetto con importanti ricadute occupazionali: 100 persone impegnate direttamente e circa 450 con l’indotto.

Sempre in ambito moda assegnati inoltre i preziosi Tao Awards (creati da Gi.Val su pietra lavica che rappresenta l’Etna su cui si erge un disco d’argento) al top model Simone Susinna, volto delle campagne Dolce & Gabbana e Tod’s; a Chiara Croce di Farfetch; al presidente della Russian Buyers Union Elena Bugranova. Per Italia Independent ha ritirato il riconoscimento uno dei tre fondatori del Gruppo, Andrea TessitoreSpeciale Premio Manager 2015 ad Antonella Bruno di Lancia.

Triade tutta al femminile per i Tao Awards Giornalismo, sul palco taorminese sono salite: per la Tv Maria Luisa Busi, caporedattore di Tv7 Rai1; per gli Autori Paola Cacianti, ideatrice del programma Rai “Top – Tutto quanto fa tendenza”; per l’Editoria Maria Elena Viola, direttore di «Gioia».

Il cinema è stato invece protagonista con il Tao Awards assegnato a Giorgio Pasotti, attore e regista alla sua opera prima con “Io, Arlecchino”. Altro regista, ma premiato per la carriera, Alberto Sironi, conosciuto per aver diretto tutti gli episodi della fiction “Il Commissario Montalbano”.

L’universo ...

Read More

Quel quid che viene dal Sud alla Milan Fashion Week

“Continuare a lavorare sui giovani è essenziale, dobbiamo sperare sempre che il mercato interno ci aiuti!” è quanto afferma, in occasione della Milan fashion week appena conclusa, il Cav. Mario Boselli, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana (prossimo ormai a ricoprire il ruolo di presidente onorario per l’imminente successione), al culmine si una serie di eventi caratterizzati da un comune denominatore, l’internazionalizzazione, e dall’idea di concedere spazio ai giovani designer affiancandoli a nomi già affermati dell’universo fashion, com’è nella mission di CNMI anche attraverso gli Maurizio Pecoraro_image1appuntamenti “fuori salone” quali la Fashion at 5VIE, inserita nel calendario ufficiale. Tra le firme autorevoli, lo stilista di origini siciliane Maurizio Pecoraro. “Milano mi stupisce sempre più nonostante io ci viva ormai da trent’anni. – afferma Pecoraro -. Le 5vie racchiudono la storia, palazzi di rara bellezza con cortili quattrocenteschi e chiostri di assoluta meraviglia, chiese sconsacrate come quella di San Sisto,  sede artistica del famoso scultore siciliano Francesco Messina,  dove ho trovato l’habitat perfetto per presentare la mia nuova collezione che rievoca la donna nomade contemporanea che spazia da una Navajo con accenti peruviani fino ad un indiana d’America con una rilettura di estrema raffinatezza nei colori e nelle forme così come nelle applicazioni di piume tye day”.

Woman_FW1516_24

Erman...

Read More

Il lifestyle Luisa Beccaria…di madre in figlia

luisa e lucillaLuisa Beccaria e Lucilla Bonaccorsi, mamma e figlia. Sono loro le vere icone della Maison di Brera riconosciuta per il suo stile glamour e raffinato, in grado di far sognare le donne di tutto il mondo, tra cui Madonna, Anne Hathaway, Sarah Jessica Parker, Jennifer Gardner, Halle Berry, Nicole Kidman, Kate Winslet, Angelina Jolie. Luisa, la stilista madre di questa fashion dinasty, e la sua famiglia vivono a Milano ma spesso si rifugiano nella loro tenuta siciliana “Borgo del Castelluccio”, un castello del 18° secolo recentemente restaurato e ristrutturato, dove oggi prende vita il “lifestyle Luisa Beccaria”. La Beccaria è sposata infatti con con l’aristocratico siciliano Lucio Bonaccorsi dei Principi di Reburdone,  con cui ha avuto cinque figli, Lucilla, Lucrezia, Ludovico, Luna e Luchino, che sin da bambini è riuscita ad integrare nel proprio universo fashion.

LuisaBeccariaNata a Milano,  Luisa Beccaria ha presentato la sua prima collezione appena ventenne, in una galleria d’arte. Da allora ha continuato a sfilare in luoghi non convenzionali.  Il background culturale e artistico di Luisa Beccaria emerge in tutto il suo percorso creativo. Natura, viaggi e arte sono costante ispirazione per le sue collezioni. Una grande passione per la sua professione che è riuscita a trasferire in particolare alla sua primogenita Lucilla che dal 2006, a soli 23 anni, ha iniziato a seguire la direzione creativa del brand portando un nuovo sguardo ed un confronto generazionale in grado di potenziare la freschezza tipica del brand e rendere la proposta sempre più innovativa e trasversale per età e uso.

“Lucilla è stata una rivelazione -confessa Luisa Beccaria-. La mia musa, il mio braccio destro”.

Il ma...

Read More