tagged posts

Simone Susinna, dalla passerella sogna il cinema

Mentre cavalca l’onda del sogno appena realizzato, il modello catanese Simone Susinna, richiestissimo dagli stilisti più importanti tra cui Giorgio Armani che lo ha tenuto a battesimo sulle passerelle milanesi, si accinge a realizzare un nuovo progetto quello di diventare attore e recitare accanto a Monica Bellucci. Intanto all’ultima fashion week milanese fw 2015/16 ha sfilato per Dolce & Gabbana, John Richmond, Ermanno Scervino.

A soli ventuno anni, alto un metro e ottantotto, occhi azzurri come il mare di Sicilia, Simone Susinna da commesso in poco meno di un anno diviene uno dei modelli più richiesti del panorama nazionale. “Non avevo alcuna intenzione di lasciare Catania perché sono troppo legato alla mia terra e alla mia famiglia – afferma Simone– cosicchè per otto mesi ho fatto da spola tra Catania e Milano sino a quando lo scorso settembre insieme alla mia ragazza abbiamo deciso di trasferirci e andare a vivere nella capitale meneghina”.

imageSimone il sogno diventa realtà, da commesso in un negozio di abbigliamento oggi sfila per i grandi nomi della moda, come inizia il suo percorso professionale nell’universo fashion?

Tutto ebbe inizio due estati fa in una discoteca di Taormina dove un booker mi propose di partecipare ai casting di alcune agenzie di  Milano ed entrare quindi a far parte dell’universo moda. Non nego che all’inizio ero molto perplesso perché non mi andava di lasciare la mia terra, i miei affetti, insomma il mio mondo. Lo scorso gennaio,  grazie all’incoraggiamento dei miei genitori e della mia ragazza, presi la decisione di partire per partecipare ai casting della Milan Fashion Week e da li è stato tutto un crescendo poiché sono stato tenuto a battesimo per la mia carriera di modello dal grande Giorgio Armani  che mi ha scelto per sfilare la collezione della linea Emporio Armani. Naturalmente avendo sfilato per Re Giorgio a seguire, nel settore,  mi si sono prospettate  tante nuove opportunità di lavoro cosicchè ho deciso anche di cambiare agenzia passando alla D’management che è la tra le più importanti in Italia.

Dopo la Milan fashion week dello scorso gennaio che ti ha tenuto a battesimo per la tua carriera di modello, quali sono stati gli step successivi?

Ho lavorato con importanti maison sfilando per Dolce & Gabbana, John Richmond, Diesel, facendo anche da testimonial per diverse campagne pubblicitarie. Posso affermare  che dallo scorso gennaio la mia vita è cambiata!

E parlando appunto del pre-Milan fashion week, come si svolgeva la tua vita prima dello scorso gennaio?

Non avendo una particolare predilezione per lo studio, subito dopo il diploma ho lavorato all’interno di una boutique di abbigliamento  in Sicilia e poi davo spazio ai miei hobby, la palestra e il calcio, ritengo che la cura del fisico sia importante!

Quali sono gli accorgimenti cui un indossatore deve prestare attenzione per mantenere un fisico in perfetta forma?

Innanzitutto è fondament...

Read More

IL DEBUTTO DI LEITMOTIV A MILANO MODA DONNA

Leitmotiv RS15 4358“Debuttare nella kermesse milanese accanto ai grandi nomi della moda è un’opportunità importantissima per noi giovani creativi e rappresenta una nuova affermazione del nostro brand, in un’avventura che è una crescita continua”  hanno dichiarato i due designer di LEITMOTIV Fabio Sasso e Juan Caro, che vantano entrambi una formazione e un passato professionale nell’arte e che cominciano l’avventura di Leitmotiv nel 2006 con una mostra a Bologna.
Leitmotiv RS15 3813Leitmotiv, ovvero “motivo conduttore”: questo il significato del nome del brand, che unisce arte e moda in un percorso ideale e che rappresenta le due personalità dei designer, l’amore per la sartorialità e cura del dettaglio di Fabio Sasso e la passione per l’arte e la continua ricerca di Juan Caro.
Una moda che, grazie agli abiti, racconta una fiaba, giocando con lo spazio e con il tempo, scoprendo nuove e colorate dimensioni, simili a un immaginario fantastico, rese tangibili da stampe digitali e da tessuti indossabili nel quotidiano, ma curati con finish sofisticati. Una vera e propria arte applicata alla moda, in cui forme e volumi sono simili a tele dipinte ma da indossare nel quotidiano: una magia declinata
in collezioni femminili e maschili che ora è pronta a presentarsi in grande stile al pubblico milanese.
Uno stile inimitabile e unico che, fin dal suo esordio, ha conquistato l’attenzione di Camera Nazionale della Moda che ha creduto nel talento dei due stilisti accompagnandoli lungo il loro percorso di crescita, che ha avuto il suo primo e importante step con la partecipazione come finalisti a Who is on Next, nel 2008.

Read More

NearMe, partita dalla Sicilia l’app per trovare il mondo

Cerchi ristoranti, bar, musei, hotel, farmacie o quant’altro? Basta cliccare sull’icona di NearMe, l’app che spopola per iPhone, iPad, iPod Touch per trovarle. Ad inventare questa applicazione di grande successo, già votata «Top Travel App», cioè tra le migliori app da viaggio, sono stati due due ingegneri catanesi  Antonio Virzì e Dario Briguglio. NearMe, tra le apps più scaricate in assoluto, gratuita, cresce sempre più  ed è tra le startup selezionate  al Web Summit di Dublino, il più importante meeting europeo dedicato all’innovazione digitale, a cui partecipano aziende come Google, Microsoft, Facebook, Twitter e Amazon.

NearMe-WebSummit

Il CEO di NearMe AntonioVirzìIl Web Summit sarà un’ottima occasione – spiega il CEO di NearMe Antonio Virzì  (nella foto) – per far conoscere le tante novità a cui stiamo lavo...

Read More

L’antica arte del sapone ripresa da Meo Fusciuni

fusciuni2La lunga storia del sapone affonda le radici nell’antica Babilonia. Anche se poi la scuola dei saponieri si rifà alla tradizione francese, che per quanto molto datata la si deve considerare la più moderna. Del resto proprio l’estro francese ha introdotto la sostanza odorosa che rende singolare ogni linea di sapone. Sembra strano, oggi, però ripensare a questo prodotto che quotidianamente usiamo come ci è stato tramandato, ci fa accorgere che evoluzione esso ha avuto nel corso dei secoli e come si sia diffuso in considerazione delle sue proprietà e peculiarità. Artigianalmente lo si ricava mescolando una base (soda, potassa, calce) con un  grasso (animale, vegetale o minerale). Ed esattamente come un fusciuni1tempo oggi lo propone Meo Fusciuni, erborista e chimico siciliano (nella foto a sx), nome d’arte di un maestro aromatario: “Il mio nome –Meo- è il diminuitivo di Bartolomeo, nome di mio padre, mentre Fusciuni significa scorrere, fluire, mescolare ed era il soprannome dato a mio nonno che era un navigatore, uno scopritore di nuovi mondi, un po’ come me che sono andato verso la scoperta del mondo del profumo. Infatti come tutti i sognatori di quest’isola, da Mazara Del Vallo, mia città natìa, ho deciso di partire alla ricerca di nuovi orizzonti perché sentivo che nella mia vita mancava qualcosa. Questo qualcosa ho scoperto poi essere l’incontro col profumo, partendo dalla pianta, materia che conosco bene”.

Le fragranze sono impiegate pure nelle terapie del benessere…

“Prima di fare l’aromatario lavoravo in erboristeria. Con l’aromaterapia il primordio umano è l’odore e credo tantissimo nella cura dolce del nostro io. Perciò un profumo può essere positività o negatività all’interno della nostra memoria, ma è pur sempre un cammino che ha un suo perché universale molto profondo”.

Read More

A’alcantara, bag icone del lusso Made in Italy

All’origine c’è un materiale dalla formula magica e misteriosa, Alcantara! Un nome che nell’etimologia araba significa “il ponte” e offre spunto di commento al presidente dell’azienda, Andrea Boragno: “Un ponte tra il lusso tradizionale e il lusso inteso come ricerca di nuove forme di bello”.

alcantara 3

Ed in effetti è quanto si individua nelle bag Alcantara, l’accessorio più cool, presentato nell’ambito della recente rassegna Milano Moda Donna, che ha incantato buyer e stampa. Borse esclusive, con il marchio A’alcantara, nate dall’estro creativo del designer Bruno Laurenzano alacantara 4e realizzate nell’omonimo materiale, che rompono  con gli schemi del passato regalando nuove sensazioni visive e tattili pur ispirandosi, ma in chiave moderna, alla couture italiana anni ’50 e ’60.

Tre nuove forme iconiche, una clutch, una tracolla ed una shopping, caratterizzate da fluttuanti piume di struzzo e grossi cristalli, che si alternano a dettagli metallici e macramè nero.  Stampe floreali dal gusto rétro, broderies delicatissime e occhielli d’ispirazione rock suggeriscono nuovi temi evocanti un incessante “reloaded”, combinazione inedita della più avanzata avanguardia tecnologica con la sofisticata artigianalità tipica del Made in Italy.

Read More

Nasce la Fondazione “Rosario Messina”

fondazione rosario messina“E tu dove studi?”  Tra qualche mese molti giovani potranno rispondere così “Frequento l’Istituto Tecnico Superiore Rosario Messina“. Al presidente Flou S.p.A. e presidente Federlegno-Arredo, scomparso il 9 marzo 2011, la Regione Lombardia ha infatti intitolato la nuova Fondazione di Istituto Tecnico Superiore.

Approvata e finanziata il 13 dicembre 2013 con decreto Direzione Generale Istruzione-Formazione-Lavoro, prevede il percorso di studio di “Tecnico Superiore di processo, prodotto, comunicazione e marketing per il settore LegnoArredo”...

Read More