tagged posts

Le “identità mutevoli” negli scatti artistici di Carla Cacianti esposti al Macro di Roma

“Identità mutevoli” è il titolo della mostra di Carla Cacianti, esposta sino al 17 ottobre al Macro di Roma.  “Per questo nuovo progetto, frutto di una lunga riflessione sul tema dell’identità personale, ho voluto raccogliere vari contributi artistici. La mostra si articola in quattro momenti: la fase della fotografia con il laboratorio artistico pre-vernissage; il vernissage, che include anche la Performance Corpi di Ilaria Puccianti con Caterina Di Rienzo e la partecipazione di Gualtiero Tonna, scrittore e poeta; il finissage in calendario il 13 ottobre; infine, il  7 dicembre, la presentazione del catalogo”.

Tra le suggestive luci della Capitale, l’artista racconta il suo nuovo percorso.

“Identità mutevoli, a differenza del precedente progetto artistico, è un lavoro sulle identità individuali in cui non ritraggo la psiche della persona, ma rappresento dei possibili movimenti psichici dell’umanità. Sono foto in bianco e nero di uomini e donne, estroflessioni su carta, da qui la denominazione di foto-sculture per i piccoli volumi creati, in un certo senso tridimensionali. Ho coinvolto Ilaria Puccianti, una danzatrice-coreografa che si rifà alla ricerca della danza impegnata, la quale, nella performance, con una compagna di ballo, propone di fatto una simile scomposizione della figura umana attraverso il linguaggio espressivo del corpo; e poi Gualtiero Tonna, che con una sua poesia dal titolo ‘Specchi’ arriva attraverso le parole al mio stesso discorso. Facendo un salto indietro, questo tipo di linguaggio è iniziato con il progetto ‘Ferite’ nel 2015, un’idea su cui lavoravo da tempo, volevo trovare una metafora visiva per dire della violenza esercitata sulle donne. In principio lavoravo su scomposizioni di tipo geometrico, poi ho cominciato a spiegazzare in maniera piuttosto casuale, ma non mi convinceva, fino ad arrivare a questo tipo di linguaggio espressivo ed estetico. Partendo dalla posa, nella fase degli scatti, fino alla piega della foto stampata.  Il primo allestimento fu accostare la foto piegata a quella piatta. Poi, attraverso la sperimentazione su una particolare carta cotone, sono arrivata alla foto-scultura su grandi stampe”.

Come nasce la passione per l’arte?

“Ho studiato arte e ho iniziato lavorando in gruppi d’avanguardia e di ricerca. Ero molto giovane, in un’epoca ricca e effervescente. Quando si cominciava a parlare di design, iniziai un percorso in quell’ambito e per molti anni ho lavorato come visual designer in Italia e all’estero, continuando però a portare avanti la mia ricerca sull’arte, ricerca cui mi dedico totalmente ormai da una decina anni. Oggi, abbandonato il design, mi piace però disegnare i miei cataloghi, che seguo dalla A alla Z. Il prossimo  dicembre, sempre al Macro, presenterò il catalogo  di “Identità’ Mutevoli” assieme a Susanna Vallebona, ideatrice e curatrice della biennale internazionale”.

Read More

Omaggio a un’icona: Raffaella Carrà. Una mostra sullo stile Raffa allestita nella capitale nei giorni di AltaRoma

A Roma, il Teatro Uno si trasforma in una galleria che rende omaggio a una vera e propria icona della televisione italiana, Raffaella Carrà, 75 anni appena compiuti, ineguagliabile nel suo essere sempre un simbolo. Lei, prima e unica vera donna della tv, che ha lanciato mode, stili, modelli, slang, ma che ha mantenuto una costante, il suo caschetto biondo, frangia o non frangia, riga o non riga, i capelli della Carrà sono un segno distintivo. E allora via alla mostra, curata da Fabiana Giacomotti, con i disegni, i bozzetti di costumisti televisivi e cinematografici, le simbologie nascoste in abiti, accessori, oggetti, video, foto.

Così, mentre la Raffa –a quanto pare- è intenta a incidere un nuovo disco e forse tornare a sorpresa nel piccolo schermo, la capitale la celebra nei giorni di AltaRoma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read More

ALL’UNIVERSITA LA SAPIENZA IL NUOVO MASTER IN COMUNICAZIONE ED EVENTI PER LA MODA. SPECIALE PARTNERSHIP DI FORMAZIONE CON LA RASSEGNA INTERNAZIONALE TAOMODA

Grande interesse desta il nuovo Master di I livello in “Teoria e strategie della moda. Comunicazione, eventi e valorizzazione culturale della moda e del made in Italy” CEV/Moda a La Sapienza di Roma, il cui inizio delle lezioni è in programma a fine febbraio 2018.

Il master è stato presentato nella Sala del Museo dell’Arte Classica, all’interno della Facoltà di Lettere e Filosofia, dal Presidente della Fondazione LA SAPIENZA Prof. Antonello Folco Biagini.

“L’università ha un ruolo fondamentale nel processo di sviluppo e valorizzazione delle competenze, potenziare la formazione di qualità è il punto di partenza della filiera italiana del tessile-moda”: è quanto hanno sottolineato i relatori Marco Nardella Romagnoli, Fashion Industry Delegate del Ministero dello Sviluppo Economico, e lo stilista Antonio Grimaldi, intervenuti alla cerimonia ufficiale di presentazione.

Il nuovo programma è stato elaborato in tandem accademico-professionale dal professor Andrea Carteny, direttore del Master in Teoria e Strategie della Moda, e da Fabiana Giacomotti, giornalista e docente di linguaggi della moda in Sapienza e direttore scientifico del nuovo Master. L’obiettivo è preparare i neo-laureati delle varie discipline -in particolare in Scienze della Moda e del Costume, Storia dell’Arte e Spettacolo, Editoria, Economia- ad affrontare il mondo del lavoro offrendo loro un percorso innovativo. Saranno approfonditi temi nei quali la Sapienza vanta una competenza specifica, vedi l’archivistica digitale, l’editoria/old e new media, la semiotica. Parteciperanno professionisti di fama internazionale, inoltre si svolgeranno corsi, laboratori e attività pratiche nell’area degli eventi, del videomaking, dello storytelling e delle attività social per la moda e la valorizzazione del territorio.

Read More

Le foto dei set di Fellini firmate da Tazio Secchiaroli, paparazzo della Dolce Vita

Fellini1 Gli scatti, vere opere fotografiche, furono fatti durante le riprese dei film La Dolce Vita, 8 e 1/2, Satyricon, Amarcord e La città delle donne. Una quarantina di stampe vintage protagonista Federico Fellini, provenienti dall’archivio di Tazio Secchiaroli, selezionate e acquisite da Photology nel 1996, qualche anno prima della morte dell’autore. 

FelliniMomenti unici del lavoro del regista -tra le scene di Cinecitta’ con gli attori o intorno ad una scrivania con uno sceneggiatore e finanche coi giornalisti per una conferenza stampa- immortalati in queste immagini in bianco e nero che ritraggono il naturale carattere guascone di Fellini.

L’esposizione, dal titolo “Fellini at work” per l’appunto, unisce al genio di Rimini, l’acuta osservazione di Tazio Secchiaroli...

Read More

A Roma il primo monomarca del talentuoso stilista siciliano Fausto Puglisi

È stato certamente tra gli stilisti più discussi di quest’ultimo periodo poiché ha inaugurato proprio lo scorso lunedi, in concomitanza temporale con la kermesse AltaRoma, il suo primo monomarca situato nel cuore della  capitale in partnership con Sermoneta Luxury Group.

untitled1Fausto Puglisi, talentuoso fashion designer siciliano  – più precisamente messinese –  tra i più apprezzati nel panorama internazionale,  inizia la sua carriera ad appena diciotto anni  e sceglie come città start up New York dove inizia a collaborare con stylist e fotografi di fama internazionale.
Dalla città della grande mela ad Hollywwod il passo è breve cosicchè Puglisi ben presto entra in contatto con le celebrities del mondo del cinema e della musica che lo consacrano loro stilista indossandone gli abiti per gli eventi più importanti. Lo stile di Fausto Puglisi è assolutamente ricco e deciso, punta sui contrasti dei colori e sulla ricerca dei ricami, un mix di ispirazioni le sue che spaziano tra la Sicilia eroica, il neorealismo italiano, lo star system americano, la forza dei gladiatori romani, l’architettura moderna e l’opulenza del Barocco mediterraneo. Con le sue creazione “one of a Kind” ha vestito star internazionali del calibro di Madonna, Jennifer Lopez, Beyoncé, M.I.A., Katy Perry ma anche Belén Rodríguez al Festival di Sanremo dello scorso anno.

untitled2Il suo stile ha c...

Read More