tagged posts

PescePazzo, il brand contemporary che guarda all’haute couture con le coffe chic reinterpretate da Laura Mendolia

Come un tocco d’arte, le coffe PescePazzo hanno animato di recente lo chalet Jaguar di Cormayeur. Nota di colore e di calore siciliano fra le montagne della Val d’Aosta, in un ancora freddo week end di marzo. Nell’area lounge, le coffe create dalla taorminese Laura Mendolia sono state apprezzate novità che hanno entusiasmato gli ospiti per quello stile fantasioso che reintepreta in chiave contemporary un accessorio così esclusivamente fashion.

E da una passione nasce un brand Made in Sicily dal nome assai singolare: PescePazzo trae spunto da una filastriocca che da bambina mi recitava  mia nonna, l’aveva scritta per me. E’ stata proprio lei ad aver creduto nella mia creatività, intuendola già in tempi non sospetti. Del resto anche lei era un’artista e probabilmente la sua sensibilità la portava a essere visionaria”.-afferma la giovane Laura Mendolia, fondatrice della start up-. “La passione per la moda fa parte della mia vita, mi è stata trasmessa dalla mia famiglia e l’ho coltivata negli anni pur scegliendo gli studi di giurisprudenza. Solo dopo la laurea ho maturato la consapevolezza di voler scegliere un altro percorso professionale pur non rinnegando la scelta dei miei studi che mi hanno dato un bagaglio culturale ad ampio raggio”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La creatività hai voluto esprimerla attraverso una rivisitazione delle coffe, perché?

“Ho scelto di lavorare sulla coffa siciliana poichè mi lega alla mia terra, ma ho voluto renderla innovativa distaccandomi dal concetto creativo della tradizionale coffa donandole un nuovo look. Amo gli accessori, arricchiscono l’outfit”.

Le tue coffe, per gli elementi e i tessuti con cui vengono realizzate, si avvicinano molto all’haute couture…

“L’alta moda detta i canoni da cui inevitabilmente ogni creativo tende a trarne ispirazione. La mia coffa è chic, rivisitata in chiave moderna attraverso il rivestimento in seta, paillettes, piume di struzzo”.

Read More

Catena Fiorello racconta Flora e la sensibilità femminile in ‘Tutte le volte che ho pianto’

di AGATA PATRIZIA SACCONE

“A volte nel corso della vita si verificano degli eventi emotivamente traumatici che è come se chiudessero la porta delle emozioni quasi a proteggerci da altri eventuali dispiaceri. Anch’io, nella mia vita, mi sono trovata al punto di non riuscire più a piangere neppure dinnanzi a fatti molto gravi e dolorosi, perciò mesi fa ho iniziato a scrivere di Flora, la protagonista del mio libro sulla quale ho traslato il mio stato d’animo”.

Catena Fiorello comincia a raccontare così il suo nuovo romanzo TUTTE LE VOLTE CHE HO PIANTO.

“L’ho scritto per me che da qualche anno non riesco più a piangere. Attraverso Flora ho fatto una sorta di seduta analitica che mi potesse riaccompagnare al pianto”.

La scrittrice siciliana, che ha già iniziato con successo il suo tour nazionali di presentazioni partendo da Milano, anticipa: Flora racchiude la storia di tante donne che ho conosciuto nel corso degli  anni. Lei ha un passato più o meno simile a quello di tante altre donne: separata da un marito che ama profondamente, ma che è costretta a lasciare poiché un eterno immaturo e infedele; è madre di una figlia. Una normalissima vita segnata però continuamente dal pianto per fatti spiacevoli che le sono accaduti. Compreso il fallimento del suo matrimonio”.

“Il pianto è un istinto primordiale, non a caso le prime parole del romanzo sono “veniamo al mondo piangendo e piangendo ce ne andremo semmai ci sarà il tempo di capire che si è completato il nostro viaggio sulla terra” -aggiunge la Fiorello– Il pianto ci fa sentire più vicini, tira fuori la nostra sensibilità. Per esempio: se in strada si incrociano persone che sorridono quasi non ci si fa caso, ma se invece incontriamo persone che piangono il primo istinto è quello di andare loro incontro per cercare di capire se hanno bisogno di aiuto. Il pianto alla fine suscita sentimenti estremi, è il comune denominatore delle emozioni degli uomini. Ho immaginato che attraverso questo libro il lettore si sarebbe ricordato di tutte le volte che ha pianto di gioia o di dolore facendo così riemergere la propria sfera emozionale e per ricordarci che siamo dotati di sentimenti e che non siamo degli automi. La lettura del libro è quasi una seduta psicanalitica di gruppo”.

La st...

Read More

Il brand Sicilia alla BIT di Milano. Tra i grandi eventi di richiamo turistico 2019 anche Taomoda in programma a Taormina dal 13 al 20 luglio

Un padiglione di 850 metri quadrati ha ospitato la Sicilia alla Bit di Milano, la Borsa internazionale del turismo 2019. Un evento che ha visto la Regione siciliana recitare un ruolo da protagonista grazie al coniugare di Turismo, Agricoltura, Territorio e ambiente, Attività produttive, Beni culturali.


“Sul piano turistico la Sicilia vive il suo momento magico.” –dichiara il presidente della Regione, Nello Musumeci-. Dovunque andiamo, da Rimini a Verona, da Bruxelles a Berlino, i nostri stand sono i più visitati, i più graditi. Siamo consapevoli di dover scontare tantissimo ritardo in termini di infrastrutture, servizi, coordinamento del messaggio promozionale, ma già in questo primo anno di governo abbiamo messo assieme una strategia con gli operatori privati e con gli altri soggetti pubblici che ci consente di poter ben sperare”.


“La Sicilia è meta desiderata e ambita, già la più apprezzata per il turismo enogastronomico” –aggiunge l’assessore allo Sport e Turismo, Sandro Pappalardo “Dobbiamo ripartire da un giusto brand, giovandoci delle ricchezze dell’isola, dalle spiagge all’Etna; abbiamo poi i borghi più belli d’Italia, teatri che il mondo ci invidia, un numero di siti Unesco pari a quelli dell’Egitto”.
Numerosi gli appuntamenti presentati a Milano e, tra questi, il nuovo cartellone dei principali teatri siciliani e, per la prima volta, quella del Calendario regionale delle manifestazioni e degli eventi di grande richiamo turistico, tra cui Taomoda, la rassegna che nel mese di luglio a Taormina di fatto chiude il calendario internazionale degli appuntamenti moda creando un forte appeal non solo tra gli operatori del fashion system ma anche tra i turisti: “La moda è eleganza, racchiude il buon gusto e lo spirito del buon vivere, elementi che contraddistinguono la splendida Sicilia che ancora una volta farà da cornice a Taomoda –afferma ancora l’assessore Sandro Pappalardo Siamo onorati di sostenere una manifestazione così prestigiosa che si conferma sempre più appuntamento di caratura internazionale”.


Taomoda è in programma quest’anno dal 13 al 20 luglio. Evento dal consolidato know-how, patrocinato tra gli altri dalla Camera Nazionale della Moda Italiana e realizzato in sinergia con la Camera Italiana Buyer Moda, si prepara a celebrare il suo 20° compleanno (è infatti traghettato nella città perla dello Jonio dopo quattordici anni di successo a Catania).


Taomoda è un’importante ve...

Read More

Antonio Gallo: “Lo storytelling sta alla base della comunicazione, l’influencer semmai completa”

di AGATA PATRIZIA SACCONE

“Per lavorare nel mondo della comunicazione bisogna innanzitutto possedere uno spiccato senso della curiosità ed è fondamentale essere sempre aggiornati sui fatti e stare al passo  con la tecnologia proprio perché è un lavoro che si fonda sulla creatività. Attorno a un prodotto devi costruirci una storia altrimenti finisci col comunicare niente, lo story-telling sta alla base della comunicazione”. 

Antonio Gallo, siciliano ma milanese d’adozione, responsabile comunicazione ed eventi speciali Pirelli Design, è un profondo conoscitore della moda internazionale, un esperto in comunicazione. La sua escalation professionale lo ha reso indubbiamente un punto di riferimento di prim’ordine e non soltanto per gli addetti ai lavori. E sulla figura moderna dell’influenzar, afferma: “Ritengo che la figura dell’influencer costituisca un elemento in più da intergrare alla comunicazione digitale e tradizionale. Se l’influencer è bravo o brava certamente alla fine porta i risultati, ma non si deve dimenticare che è solo un tassello di un puzzle”.

Parlando di influencer il caso Chiara Ferragni fa molto discutere, spesso criticata eppure il suo fatturato ha numeri da capogiro tant’è che anche il suo matrimonio celebrato la scorsa estate in Sicilia indirettamente è diventato uno strumento promozionale per incrementare ulteriormente il turismo dell’isola….

“La festa del matrimonio della Ferragni a Noto già non se la ricorda più nessuno, ritengo che non costituisca uno strumento per accrescere il turismo sull’isola. E’ stato un momento promozionale circoscritto a quel determinato evento e che comunque ricordi solo se l’hai vissuto da protagonista perché finita la festa e rientrando a Milano, dove di feste importanti ne fanno tantissime, la gente già non ne parla più”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vivi a Milano da oltre 30 anni e conosci la Sicilia perché ci sei nato. Come le inquadri queste due contrastanti realtà?

Milano è la città europea italian...

Read More

L’INTERVISTA: Alessio Boni protagonista su Rai1 nella fiction “La Compagnia del Cigno”

Alessio Boni, premiato con il Tao Award a Taomoda 2018, intervistato a Taormina.

Riproponiamo la clip in occasione della messa in onda su Rai1 della nuova fiction che lo vede protagonista, “La compagnia del cigno”.

 

 

 

Read More

Idee per il regalo del Natale 2018 e il look delle feste di fine anno

Basta con i finti rossetti che poi si rivelano gomme da cancellare. Oggetti spesso inutili, anche se costati pochi euro, subito dopo sbolognati da chi riceve il regalo di Natale con il classico sorriso di circostanza e la frase canonica “Carino! Mi serviva”.

Tormentone per tormentone, allora ce n’è uno che va per la maggiore ed è diventato quest’anno un capo fashion assolutamente trend: è l’esclusiva t-shirt ‘Anche a Te e Famiglia’: quella official, l’unica originale, è in puro cotone, coloratissima, per uomo-donna-bambini-ragazzi, made in Italy (anzi made in Sicily), promossa da Taomoda che l’ha tenuta a battesimo. Una chicca nella sua singolare confezione regalo a sorpresa: il packaging è infatti uno scatolo rosso in cartone setato, quasi fosse un…panettone, per l’effetto sorpresa. Un capo d’abbigliamento destinato a far tendenza anche a seguire Natale, perché è vero che la frase ricambia gli Auguri, ma non soltanto. Online, con spedizione gratuita, la limited edition la si può acquistare sul sito www.ancheateefamiglia.it/shop

Ma la stagione delle feste non corrisponde soltanto con il Natale, bensì anche con il Capodanno così come con tutte le serate che si susseguono fino all’Epifania. Quindi ogni giorno c’è da stupire gli altri nel look. All’insegna dell’originalità segnaliamo innanzitutto gli outfit he suggerisce Hanita: dagli abiti in pailettes, ai kimono con effetto degradè, ai tubini in velluto laminato.

Per le donne che amano sentirsi regine delle feste, altro modo per distinguersi è  scegliere un abito di pizzo dall’ispirazione elegante e festaiola, come quello pensato da XT Studio. Perfetto compromesso tra tradizione e tendenza, punta sul classico in fatto di tessuto e taglio per assicurarsi il trend con le lavorazioni e i dettagli dall’effetto sorpresa il dress che miscela texture diverse per ottenere il giusto equilibrio tra gusto e armonia.
La seduzione nasce da un mix and match tra lingerie e haute couture e prende la forma di un capo capace di disegnare la femminilità e in cui la morbidezza dei tagli e la purezza della texture incontrano la sensualità del pizzo e del velluto.La differenza la fa il total black acceso da dettagli effetto vedo non vedo che caratterizzano le maniche larghe e il corpetto: una contemporaneità che non rinuncia a un tocco romantico per un capo squisitamente stylish e lussuoso

Lo stile ...

Read More