tagged posts

IL VOLO a Taormina: doppia data a luglio 2014 per le tre voci che entusiasmano il mondo

il-volo-billboard-latin-music-awards-650-430Nel mondo sono conosciuti come IL VOLO, nome d’arte di un trio di voci uniche, quello composto dai giovanissimi Piero Barone, Gianluca Ginoble e Ignazio Boschetto.

Da ex bambini prodigio di Antonella Clerici a ragazzi che hanno spiccato… il volo (guarda caso!) e che oggi per l’ unica tappa italiana del loro tour mondiale scelgono Taormina

“All’inizio eravamo un po’ titubanti -dichiara Piero Barone, agrigentino di Naro- ma il fatto che io e Ignazio siamo siciliani, lui di Marsala mentre Gianluca è abruzzese, e quindi due su tre, abbiamo accettato l’idea e oggi la scommessa può già dirsi vinta, visto che per la data del 20 luglio si è registrato il sold out quindi bisseremo l’indomani, il 21 luglio”.

Read More

“Le stelle non sono lontane”…con gli occhi (e la penna) di Candida Morvillo

906257_10204039577058506_7640996078395602933_o“Ci sono storie che meritano di essere raccontate. Quella di Astrid è una di queste”. Candida Morvillo, giornalista e scrittrice, presenta così a Taormina (in una villa location d’eccezione nell’ambito degli incontri organizzati dalla libreria Mondadori coordinati da Antonella Ferrara -ndr) il suo romanzo “Le stelle non sono lontane” edito da Bompiani e la protagonista che sta al centro delle vicende, una venticinquenne di umili origini calabresi che ha raggiunto il successo in tv. Astrid è fidanzata con Giangi, un giovane conte, noto nei salotti buoni e alle cronache rosa, ma nella vita di lei c’è anche il presidente, figura archetipica del politico italiano, diviso tra vizi privati e pubbliche virtù.

candida_morvillo_le_stelle_non_sono_lontaneAmbientato nell’Italia dei giorni nostri, non a caso il libro è stato accostato al film di Paolo Sorrentino “LA GRANDE BELLEZZA”: “Rispetto al film di Sorrentino –precisa la Morvillo- in più ci sono i politici e le donne. Ritengo però che se il regista avesse inserito certe figure nel suo film probabilmente non avrebbe vinto l’Oscar! Nel film c’è la decadenza di oggi contro il grande fasto antico. Io ho cercato di fare un ritratto piu rispondente alla realtà. Il comune denominatore semmai tra film e libro è il senso di grande tristezza che attanaglia i protagonisti: tutti hanno apparentemente ciò che vogliono, ma in realtà sono tristi e frustrati senza neppure conoscere bene il perché”.

Qual è l’input che ti ha indotta a scrivere questo romanzo?

“Un bisogno molto forte di raccontare un pezzo importante della realtà che ci circonda, quel pezzo di mondo che ruota attorno al compromesso, anche sessuale, e che affonda le sue radici nel mondo della politica, della televisione, nei palazzi del potere. Ho sentito l’esigenza, appunto, di raccontare quello che definisco un po’ l’epifenomeno di tante altre cose, del desiderio di facile successo e di facile visibilità che coglie tante persone, non solo quelle che vogliono partecipare al Grande Fratello ma anche quelle che banalmente vivono sui social network proprio per il bisogno continuo di avere un successo personale misurando il proprio valore con il riscontro del seguito ottenuto. Molte ragazzine vanno addirittura in webcam per prostituirsi, anche se soltanto on line, allo scopo di poter comprare accessori di lusso”.

Read More

Eleonora Abbagnato, mamma étoile

imageQuando fa tappa in Sicilia non la si può considerare un’ospite qualsiasi. Anche perché “Lei” di fatto ospite non è, bensì una sorta di padrona di casa, ovunque si sposti nell’isola. Per quanto la “Lei” in questione sia Eleonora Abbagnato, l’etoile dell’Opera di Parigi. 
“Sono sempre felice di tornare ad esibirmi qui, nella mia terra, aprendo nella circostanza un Festival intitolato a Bellini che si inaugura proprio con la danza. Lo considero pure un buon segnale, in questo periodo difficile per il nostro mondo…”
– Effettivamente qui c’è un filo diretto che lega la storia artistica della Sicilia a Parigi, il nome del grande maestro Vincenzo Bellini, anche lui trascorse molti anni della sua vita nella capitale francese…
“Certo. Lui era catanese, io sono palermitana, ma al di là di qualsiasi campanilismo io sono profondamente legata alla Sicilia, indistintamente. Catania ha uno splendido Teatro Massimo, a Taormina mi legano ricordi importanti, Palermo appunto è la mia città…”
– Accennavamo alle difficoltà economiche e i tagli che in Italia penalizzano tanto anche la cultura&...

Read More

Mistero a Taormina e un giornalista indaga: trama noir che appassiona

cover“Quando si inizia a leggere un giallo si hanno delle certezze: il luogo, il reato, la vittima, il protagonista, l’indagine, il colpevole. Il libro di Antonello Carbone ha stravolto queste certezze. Alla fine non sai più se il morto è vittima, chi è il protagonista, nemmeno la stagione è certa. Carbone riesce a far diventare centrale anche il gatto che fa compagnia al protagonista”.

E’ la recensione di un lettore di “A Taormina, d’inverno”, il libro d’esordio del giornalista Rai Antonello Carbone (Manni editore, distribuzione PdE), recentemente presentato in anteprima al Salone internazionale di Torino ed ancora in promozione con un tour, cominciato a Catania, che porterà l’autore in giro per l’Italia, partendo naturalmente dalla Sicilia. Prossime tappe: il 23 agosto a Salina alla Libreria Amanei, il 13 settembre a Motta  S.Anastasia20 settembre a Milano, il 24 settembre al TaoBuk di Taormina, il 10 ottobre alla Feltrinelli di Messina, il 15 ottobre alla libreria Biblios Café di Siracusa. In via di definizione altre date di Palermo, Catania e Ragusa. In calendario, inoltre, appuntamenti autunnali con il Teatro Stabile di Catania e poi Reggio Calabria, Gubbio e Roma.

La storia è uno spaccat...

Read More

Torino invita a leggere…perché aiuta a crescere

logosaloneSi apre a Torino il 26esimo Salone Internazionale del Libro. All’inaugurazione presente, tra gli altri, il ministro Massimo Bray. Per quanto i dati statistici parlino di una diminuzione del numero di libri venduti, l’importanza della lettura è conclamata. “Leggere aiuta a crescere” recita un famosissimo spot. E la vetrina di Torino, la più importante in Italia e tanto prestigiosa da essere nota pure all’estero, può costituire un ottimo traino. Un calendario di appuntamenti fittissimo, promosso e coordinato dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura. Paese Ospite d’onore è il Cile. Confermata la presenza di Sepulveda (18 maggio alle 19,30 pad. 3 sala gialla) che leggerà versi di Neruda e altri poeti cileni. Stesso giorno per Vinicio scrivaniaCapossela che dopo avere concluso il tour internazionale Rebetiko Gymnastas a Genova porterà un po’ di Grecia anche a Torino. L’ospite internazionale più atteso è certamente lo scrittore israeliano David Grossman che sempre sabato 18 alle 12.30, (palco del Centro Congressi) incontrerà i suoi fan. Gli altri Paesi presenti sono: Albania, Arabia Saudita, Finlandia, Guinea, Lituania, Perù, Romania. Otto le regioni italiane con un proprio spazio: Abruzzo, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria e Veneto. Regione ospite dell’edizione 2013 è  la Calabria. Tra gli autori siciliani –segnaliamo- il romanzo d’esordio del giornalista Rai Antonello Carbone, “A Taormina, d’inverno”, edito da Manni, che sarà presentato lunedì 20 alle ore 17 nella Sala Avorio.

Tra i nomi noti present...

Read More