tagged posts

L’Italia chiude per l’emergenza Covid-19. Il mondo della moda aveva già lanciato il suo segnale di stop.

L’Italia chiude, per Decreto. Al momento fino al 25 marzo 2020. L’emergenza coronavirus, scattata con il primo caso registrato a Codogno lo scorso 21 febbraio, è stata una graduale restrizione per contrastare il dilagare della diffusione del Covid-19. Permarrà sempre, fino al 3 aprile 2020, l’obbligo, se non derogato per ragioni strettamente necessarie, di rimanere a casa per evitare possibilità di contagio.

Il DPCM dell’11 marzo 2020 è quello più drastico. Garantiti -con regole ferree- solo i servizi essenziali. Quindi, tra le attività, aperti: supermercati, alimentari, ristoratori con servizi a domicilio, farmacie, parafarmacie; negozi per prodotti igienico-sanitari, saponi e detersivi, per animali; tabaccai, edicole, benzinai; uffici postali, bancari, assicurativi; in funzione il trasporto pubblico; ambulatori medici/veterinari: solo per casi urgenti o indifferibili; operativi: gli ottici, rivenditori di prodotti ortopedici o medicali e i tecnici quali idraulici, elettricisti, vetrai, meccanici/elettrauti e i rivenditori di accessori per computer, illuminazione, ferramenta, lavanderie.

Il mondo della moda aveva lanciato il suo segnale di stop ancor prima, quando la situazione, specie in Lombardia, si è aggravata. A spezzare gli indugi è stato Armani, chiudendo negozi, ristoranti e hotel.  

A seguire, stessa decisione è stata presa dai punti vendita del Gruppo Miroglio dei brand MotiviOltreFiorella RubinoElena Mirò e Caractère; il Gruppo Calzedonia con Intimissimi; inoltre: BoggiLiu JoCoccinelleLuisa Spagnoli, Zara. Ma anche catene sportive come Decathlon, librerie come Mondadori, i negozi Thun, i grandi magazzini come Coin e La Rinascente. Regolarmente in funzione gli stores on line.

La c...

Read More

Vinitaly 2019: bicchieri da bere e bottiglie da leggere

Tre storie inedite dalla penna di un giornalista, un romanziere e un cantautore, quest’ultima contemplando anche l’ascolto di una canzone. Al Vinitaly 2019, a Verona, dal 7 al 10 aprile, verrà presentata la nuova edizione di Librottiglia, il prodotto che unisce due piaceri in un’esperienza unica: assaggiare due calici di un vino d’eccellenza tuffandosi nella lettura di un racconto.

Nella serie, che ha vinto 11 premi internazionali ed è stata recensita in molti paesi grazie al suo design originale, l’etichetta di ogni bottiglia da 375ml funge da libretto. L’accostamento eno- letterario si basa sempre sulla relazione tra le suggestioni sensoriali comunicate dai vini e gli scenari immaginati nelle opere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’introduzione del Barbera è la n...

Read More

Vinitaly 2018, trend in crescita per i vini siciliani

Al Vinitaly 2018 è un trionfo per i vini siciliani. Un trend in crescita. A Verona c’era un’intera area dedicata al mondo del vino etneo, tra Carricante e Nerello Mascalese. Con un successo da “tutto esaurito”. Al tasting, 16 etichette di altrettanti produttori, che hanno raccontato tutte le “sfumature” di bianco del Vulcano più alto d’Europa, in grado di regalare vini con una spinta acida notevole e una spiccata nota minerale. “L’interesse per i bianchi è cresciuto come mai prima d’ora. Tanto che i produttori esauriscono le scorte prima della nuova vendemmia -dichiara il presidente del consorzio Etna Doc Giuseppe Mannino-. La stragrande maggioranza di nuovi impianti sono a Carricante. Siamo ancora agli inizi e ne sapremo di più nei prossimi anni”.

Etna DOC, Fischetti wine

Soddis...

Read More