Un nuovo singolo per Giovanni Caccamo e una clip nata grazie a un contest

Dopo “Eterno” presentato a Sanremo, ecco “Bisogno di tutto”, nuovo singolo del cantautore siciliano Giovanni Caccamo.

Con videoclip frutto di un innovativo format: “Sì, nasce da un contest web in cui ho voluto offrire un ruolo da protagonista ai miei fans. Così ognuno di loro ha inviato un playback filmandolo in un posto significativo della propria vita. Credo che sia la prima volta che in Italia si realizzi un prodotto musicale in questo modo. Oggi interagire direttamente con il pubblico, anche attraverso i social, è fondamentale, consente di parlare a tutti, annulla le distanze e il rapporto diventa anche più confidenziale. E’ pure vero che con i social viene meno quell’alone di mistero che un tempo possedevano gli artisti, oggi è tutto a portata di mano. Resta comunque un’ottima opportunità per creare un link diretto con il pubblico”.

Parliamo di questo tuo recente brano, dal titolo “Bisogno di tutto”: in che senso?

“Costituisce una sorta di elenco di tutte le cose di cui pensiamo di aver bisogno, ma che in realtà invece rappresentano la futilità. Queste ci allontanano dall’essenza dell’animo facendoci perdere il significato di una quotidianità fatta di emozioni, di parole, di sguardi. Il punto è che spesso siamo distratti da molte cose che ci portano lontano dalle persone che amiamo”.

A proposito di sentimenti e di social, di recente hai postato sul tuo profilo instagram un pensiero molto profondo legato al ricordo di tuo padre…

“Purtroppo lui è venuto a mancare quando io avevo undici anni e già stava male da quando ne avevo otto. Per quel po’ che ho potuto vivere del rapporto con mio padre, non posso che dire che è stato bellissimo! Caratterialmente ci accomuna la sensibilità artistica, la ricerca della bellezza in tutto ciò che ci circonda”.

Tu sei molto legato alla tua famiglia e in modo particolare ai tuoi nonni…

“Si, quando torno a casa e vedo i mei nonni, il cuore mi si riempie di gioia. Peraltro, parlando di amore eterno, loro quest’anno compiono 60 anni di matrimonio e a volte mi chiedo in cosa stiamo sbagliando noi della nostra generazione e perchè i legami non possono perdurare nel tempo così come appunto accadeva una volta. Probabilmente siamo troppo intenti a focalizzarci e a sottolineare il nostro io invece di pensare che in una relazione bisogna dare spazio anche all’altro. Oggi i rapporti sono fatti di fugacità e per questo motivo che in controtendenza ho scelto di scivere ETERNO”.

Quanto amore eterno esiste in te?

“Eterno è un album molto introspettivo, è frutto di un amore che ha colpito me innanzitutto. Un sentimento che mi ha talmente scosso positivamente che alla fine ho deciso di scriverlo e di parlarne attraverso la mia musica. L’amore riesce a far miracoli anche dal punto di vista artistico, ti porta a raccontare attraverso i testi ogni stato d’animo”.

Tu vivi tra Milano e la Sicilia, non hai mai tagliato il tuo cordone ombelicale con Modica…

“Milano è la mia seconda città, un ottimo centro per la produzione, la comunicazione, la musica e la promozione. Il mio rapporto con la Sicilia invece è di grande amore, scrivo molto ispirandomi alla mia terra. La Sicilia ci permette di contemplare la bellezza e di vivere un tempo umano”.

Sugar di Caterina Caselli è l’etichetta discografica che ti produce, qual è il tuo rapporto con lei?

“Caterina è una mamma musicale, fonte di contenuti di saggezza, di storie da raccontare, il tutto coniugato a una grande competenza. E’ colei che insieme a Franco Battiato hanno creduto nella mia musica e mi hanno fatto crescere”.

 

(intervista di AGATA PATRIZIA SACCONE)

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.