Vinitaly 2018, trend in crescita per i vini siciliani

Al Vinitaly 2018 è un trionfo per i vini siciliani. Un trend in crescita. A Verona c’era un’intera area dedicata al mondo del vino etneo, tra Carricante e Nerello Mascalese. Con un successo da “tutto esaurito”. Al tasting, 16 etichette di altrettanti produttori, che hanno raccontato tutte le “sfumature” di bianco del Vulcano più alto d’Europa, in grado di regalare vini con una spinta acida notevole e una spiccata nota minerale. “L’interesse per i bianchi è cresciuto come mai prima d’ora. Tanto che i produttori esauriscono le scorte prima della nuova vendemmia -dichiara il presidente del consorzio Etna Doc Giuseppe Mannino-. La stragrande maggioranza di nuovi impianti sono a Carricante. Siamo ancora agli inizi e ne sapremo di più nei prossimi anni”.

 

Etna DOC, Fischetti wine

Soddisfatto anche il direttore della Doc Sicilia Maurizio Lunetta: “La crescita a tre cifre di imbottigliato porterà a fine 2018 a essere la Sicilia tra le prime Doc italiane”. L’obiettivo dei 60 milioni di bottiglie è confermato dai numeri del primo trimestre che si è chiuso con il dato di 18 milioni di bottiglie e una crescita del 124 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le aziende che imbottigliano Doc Sicilia sono in crescita: più di 7300 viticoltori.

I segnali importanti arrivano dall’area asiatica, fatta salva la fidelizzazione del mercato americano. Resta alto l’interesse attorno al Grillo e al Nero d’Avola, ma c’è un sempre maggiore interesse verso varietà meno conosciute come il Frappato e il Perricone. 

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.